A- A+
Green
Smog, Italia ancora maglia nera: prima nell'Ue per decessi da smog

Smog, l'Italia guida la triste classifica dei Paesi con più morti: 10.640 decessi a causa dell'NO2

Anche nel 2019 l'Italia si conferma tra i paesi Ue dove sono più alti i rischi per la salute, in termini di morti e anni di vita persi, per l'esposizione allo smog. Secondo il Rapporto 2021 sulla qualità dell'aria dell'Agenzia europea dell'ambiente (Aea), nel 2019 il Belpaese era il primo per numero di morti per biossido di azoto (NO2, 10.640 morti, +2% rispetto ai dati del Rapporto Aea 2020), ed è il secondo dopo la Germania per i rischi da particolato fine PM2,5 (49.900 morti, -4%) e ozono (O3, 3170 morti, +5% sul 2018).

All’interno dell’Unione Europea, nel 2019 circa 307.000 persone sono morte prematuramente a causa dell'esposizione a PM2.5, 40.400 per l'NO2 e 16.800 a causa dell'esposizione acuta all'ozono. I decessi per smog sono diminuiti del 16% rispetto al 2018 e del 33% con riferimento al 2005.

Almeno il 58% dei decessi da PM2,5 in Ue, ammonisce la Aea, si sarebbe potuto evitare se tutti gli Stati membri avessero raggiunto il nuovo parametro OMS per il PM2,5 di 5 µg/m3. Con i parametri Oms, l'Italia avrebbe 32.200 decessi in meno.

Commenti
    Tags:
    italia aea no2italia decessi no2italia decessi smogitalia maglia nera smogitalia no2smog
    in evidenza
    Astrid, la sexy tifosa del Chelsea ora va in gol su Onlyfans

    Foto da... ko tecnico!

    Astrid, la sexy tifosa del Chelsea ora va in gol su Onlyfans

    
    in vetrina
    ASPI continua l'ammodernamento: attivo il Road Zipper System

    ASPI continua l'ammodernamento: attivo il Road Zipper System


    motori
    BMW Group nel 2022 ridotte le emissioni di CO2 del parco circolante

    BMW Group nel 2022 ridotte le emissioni di CO2 del parco circolante

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.