A- A+
Home
La Germania fu riunificata anche grazie ai nostri capitali.

Chi afferma "la Germania non chiede mai niente a nessuno" commette un doppio, storico, grave errore. Dopo la prima guerra mondiale, il popolo tedesco, fu sottoposto al binomio austerity e inflazione, quest'ultima dovuta alla espropriazione della produttiva Ruhr da parte dei francesi e dei belgi (l'eccesso di stampa, il collasso monetario, al solito, fu una conseguenza non una causa). J.M. Keynes, all'epoca, previde che la Germania si sarebbe vendicata per il trattamento ricevuto e ciò avvenne con lo scoppio della 2° guerra mondiale.

Alla fine del secondo conflitto, i vincitori, decisero per una strada opposta alla precedente e finanziarono la ricostruzione degli sconfitti ma questi prestiti, successivamente, Stati Uniti, Inghilterra ecc decisero di condonarli ai teutonici (http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=17277).

Ora, se aggiungiamo che l'Italia contribuì almeno per 40 miliardi di euro per la riunificazione tedesca degli anni '90, (https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/germania-est-ovest-caduta-muro-berlino-costo-riunificazione/817c3d32-f8db-11e9-8af8-3023352e2b21-va.shtml) ben comprendiamo come certe affermazioni non abbiano valenza storica.

Le fauci tedesche, semmai, hanno dilaniato la carne (la struttura produttiva) della Grecia, approfittando della crisi finanziaria (i tedeschi persero i loro soldi "sputtanandoli ai cavalli" in USA e si sono rifatti sui greci mediante MES), bene hanno fatto gli ellenici recentemente, a chiedere alla Germania i danni di guerra (https://www.agi.it/estero/grecia_polonia_germania_danni_di_guerra-5371427/news/2019-04-22/).  

Arriviamo a noi, alla nostra Nazione che non vuole fare simile fine: anziché chiedere alla BCE di stampare moneta e dare 1500 euro per due mesi a tutte le aziende (in stile "Elicopter Money" del Nobel Friedman) si preferisce riaprirle causando il probabilissimo, potente ritorno del Cov-2 e nuovi cadaveri: ecco perché c'è chi cerca uno scudo legale nel nostro Governo (ed in talune Regioni).

Tutto questo per accontentare la UE ed il principio neoliberale della "scarsità di moneta" imposto dalla Germania e impresso in Maastricht sotto sua dettatura (criticato dai Nobel Stiglitz, Krugman, Friedman ecc che furono profeti inascoltati). Moneta che viene così ad essere "preziosissima" e rastrellata dagli Stati sui mercati, cioè dalle banche private e a peso d'oro, una vera e propria guerra di sopravvivenza tra nazioni ed una manna per la speculazione finanziaria. Fake news parlare di Europa dei popoli quindi...

ps: i soldi per sanare i bilanci delle allegre mega-banche multinazionali, responsabili della crisi finanziaria del 2007, vengono puntualmente stampati dalla BCE (oltre 2100 miliardi di Quantitative Easing) ma di fronte a un virus letale ed alle vite de cittadini il discorso evidentemente cambia e ci rispondono "Krauti Uber Alles!".

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    germaniauefondo perdutoguerra
    Loading...
    in evidenza
    Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

    Il rigoletto

    Smart working, soft skills
    Ripensare il lavoro post-Covid

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.