A- A+
Lavoro
CERTIFICATO PENALE DEL CASELLARIO GIUDIZIALE NEL CAMBIO APPALTO
logo fondazione studi
 

L’Associazione Nazionale della ristorazione collettiva e servizi vari (ANGEM) ha presentato un'istanza di interpello alla Direzione Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro per l'interpretazione corretta dell’art. 2, D.Lgs. n. 39/2014, di attuazione della direttiva europea 2011/93/UE, recante nuove disposizioni per la lotta contro la pornografia minorile, l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori.

Nell'interpello l'Associazione ha chiesto se il datore di lavoro debba richiedere il certificato penale del casellario giudiziale, ove previsto, anche nei casi in cui si verifichi un cambio di appalto e l'azienda subentrante sia obbligata ad assumere il personale dell'impresa uscente.

La Direzione Attività Ispettiva del Ministero ha risposto all'interpello n.22 del 24 settembre 2015 dichiarando che laddove, nel cambio di appalto, il personale, che ha contatto diretto e regolare con minori, risulti impegnato nella stessa attività, spesso senza soluzione di continuità, datore di lavoro o impresa subentrante non sono tenuti ad adempimenti ulteriori se hanno già acquisito la documentazione di cui all’art. 2 D.Lgs. n. 39/2014, già in possesso del precedente datore di lavoro o appaltatore.

 

 

 

 

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.