A- A+
Lavoro
Due maxi sanzioni più la diffida. Ecco la circolare anti lavoro nero
logo fondazione studi
 

Il Ministero del Lavoro, con la circolare n. 26/15, interviene in merito alle sanzioni sul lavoro nero dopo le innovazioni apportate da Jobs act. Tra le novità troviamo la maxi sanzione con due importi diversi a seconda della durata del lavoro sommerso e la possibilità di diffida.

Entro 120 giorni dal verbale unico il datore di lavoro potrà regolarizzare l'intero periodo di lavoro prestato in nero mediante stipulazione di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche a tempo parziale con riduzione dell'orario non superiore al 50%, o di un contratto a tempo pieno e determinato di durata non inferiore a tre mesi con i lavoratori in nero, con obbligo di mantenimento in servizio dei lavoratori per un periodo non inferiore a tre mesi, con obbligo di regolarizzare anche gli adempimenti formali relativi (Lul, contratto con il lavoratore, Co, ecc.) e di pagare la maxi-sanzione.

Non sono previste applicazioni di nessuna forma di agevolazioni e nemmeno la regolarizzazione tramite contatti di lavoro a chiamata (intermittente). Il periodo minimo di tre mesi di mantenimento in servizio del lavoratore va computato dalla data dell'accesso ispettivo.

Nella medesima circolare, il Ministero chiarisce anche le regole per la sospensione dell’attività imprenditoriale conseguente all’occupazione in nero e le condizioni per la revoca del provvedimento, oltre che sulle nuove sanzioni per Lul, ANF e prospetto paga.

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Elisabetta Canalis senza reggiseno: Instagram la leva

FOTO CENSURATA

Elisabetta Canalis senza reggiseno: Instagram la leva


in vetrina
Scatti d'Affari Brera Cicli, Gruppo Mandelli: al via rebranding e nuovo sito

Scatti d'Affari
Brera Cicli, Gruppo Mandelli: al via rebranding e nuovo sito


motori
Il Carroziere Calesani trasforma una Citroen Berlingo in una 2CV Furgonette

Il Carroziere Calesani trasforma una Citroen Berlingo in una 2CV Furgonette

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.