A- A+
Libri & Editori
Breakfast on tour, 22 ricette per una (im)perfetta integrazione

Breakfast on tour: a colazione nessuno è straniero

Immaginate di svegliarvi una mattina e accorgervi di aver finito il caffè. Bussate alla porta della vicina di casa, una donna etiope che invece di prestarvi l’occorrente per una moka vi invita a fare colazione con lei. Parlate del suo paese e del viaggio che l’ha portata lontana, così coinvolti e felici che vi viene un’idea: incontrare a colazione ragazze e ragazzi di ogni parte del mondo per scoprire cosa li ha spinti a trasferirsi in Italia e raccogliere le loro storie in un blog.

È quanto successo a Giacomo Alberto Vieri, giornalista fiorentino, classe 1986, che durante la pandemia ha trasformato quel blog in un libro, Breakfast on tour, edito da Clichy, in cui le colazioni sono un pretesto per raccontare una generazione di giovani in viaggio, in fuga da povertà e discriminazione o in cerca di amore o lavoro, da soli, in coppia o con figli, diversi tra loro ma accomunati dalla fiducia nel futuro.

Tra cinnamon roll e tè verde, pancake e briwat, acqua di fiori d’arancio e baklava, le colazioni diventano brunch, e poi pranzi e poi cene, mentre le parole scorrono a fiumi e le esperienze si intrecciano “in un mondo senza geografia”.

Come quelle di Olta e Silvi, “troppo albanesi per stare in Italia e troppo italiane per tornare al loro paese”, che da dieci anni lottano contro il pregiudizio, perché se vinci una borsa di studio in Italia sei costretto a “dimostrare di valere il doppio del tuo compagno di corso”. O di Gisela, che ha lasciato l’Argentina con “un secchiello di speranze sul futuro del suo paese”, dove sogna di tornare “quando saprò di aver visto e imparato tutto quello che serve per farne un posto migliore”.

C’è chi in Italia ha trovato la felicità e si è stabilito, come il giapponese Tetsuro o la greca Klairi, e chi ha scoperto lo strazio di non essere accolta, “come quella compagna dell’università che chiese di leggere una sua verifica perché dubitava dell’alto voto che aveva ricevuto, lei che non era nemmeno italiana”. È la storia di Wafà, scappata dalla Tunisia in rivolta contro Ben Ali dopo aver visto sparare all’uomo in fila davanti a lei al bancomat, picchiare una ragazza alle sue spalle e aver capito che avrebbe potuto essere lei, "avrebbe potuto finire tutto così”.

Ma nonostante un buon lavoro e un fidanzato amorevole, scopre che neanche la democratica Italia è poi tanto accogliente, e decide di lasciarla perché “forse non è più il posto migliore dove crescere dei figli”. Come i marocchini Rachid e Yassmin, che dopo anni di attesa per la cittadinanza italiana si sono trasferiti in Germania, perché i loro figli “hanno bisogno di più scelte, più possibilità”, consapevoli di dover “lavorare sodo per la lingua, le nuove abitudini, i soldi” ma anche che in fondo “basta un ciao per farci nuovi amici”.

Ed è qui il senso di Breakfast on tour, che ci apre gli occhi sullo stato di salute del nostro paese e ricorda, come dice Sawsan, che è la curiosità “il più potente vaccino contro il pregiudizio”. Quindi bussate più spesso alla porta del vostro vicino, offritegli un caffè: scoprirete che, almeno a colazione, "nessuno è straniero”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
edizioni clichylibrisara perinetto





in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.