A- A+
Libri & Editori
Nitrati in tonno e prosciutto: rischio cancro e bugie della lobby della carne

Allarme tonno tossico trattato con nitriti e nitrati

In nove finiscono al pronto soccorso dopo aver consumato tonno in due diversi ristoranti fiorentini, un altro caso in un locale di Portoferraio, nel brindisino un'intera famiglia è stata male con problemi respiratori. I sintomi sono quelli dell'intossicazione alimentare: nausea, vomito, perdita di conoscenza e svenimenti. La causa: tonno trattato con nitrati.

A dirlo è Adriano Rotunno, direttore del Servizio igiene degli alimenti dell'Asl di Brindisi: "L'allerta è partita dalla Toscana. È stata infatti identificata una partita di tonno arrivata dalla Spagna trattata e confezionata in Puglia, nella Bat. A quanto pare la materia prima non era il massimo della genuinità e per stabilizzare il colore è stato utilizzato un conservante a base di nitrati. Le iniezioni di conservanti forse contenevano un quantitativo superiore a quello consentito. Per questo poi i problemi di asfissia e le difficoltà respiratorie".

"Purtroppo abbiamo recuperato solo una parte della merce" mette in guardia Rotundo "Chi ha acquistato tonno fresco in questi giorni deve fare attenzione: non si può escludere si tratti della stessa partita".  

Ma nitriti e nitrati non sono usati solo nel pesce: si impiegano come conservanti, per aggiungere sapore e colore anche alle carni lavorate, ovvero salumi e insaccati. Pensiamo al prosciutto cotto, tipicamente associato a una dieta semplice e genuina, tanto che si trova spesso nei menù delle scuole materne o dei ricoverati negli ospedali: senza nitriti e nitrati sarebbe grigio. Non di quel rassicurante colore rosa, ma grigio.

Nitriti e nitrati cancerogeni, la Francia li vieta

Eppure, l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), organo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha classificato nitrati e nitriti ingeriti come probabilmente cancerogeni per gli esseri umani (Gruppo 2A). Quindi aumentano il rischio di tumori? "Dipende" si trova scritto sul sito dell'Airc "La maggior parte degli additivi è innocua, ma alcuni possono subire modificazioni nell'organismo o durante la cottura che li trasformano in sostanze potenzialmente pericolose". In altre parole, nitriti e nitrati a contatto con un ambiente acido come il nostro stomaco possono diventare tossici. Se non cancerogeni.

Ecco perché la Francia si sta muovendo per vietarli. "Il prosciutto è un pericolo per la salute. Lo sappiamo adesso. I sali di nitrito nei salumi uccidono i francesi. Se questa proposta non passa allora mi chiedo che ci stiamo a fare qui", ha dichiarato al parlamento francese Richard Ramos, ex critico di ristoranti che ora è deputato per il Movimento democratico, presentando il disegno di legge lo scorso dicembre. Se il testo passasse, sarebbe il primo disposto in Europa, e si applicherebbe dal 2023.

Who Poisoned Your Bacon Sandwich? Il libro di Guillaume Coudray 

Sempre dalla Francia arriva un libro potente, che con grande rabbia e efficacia affronta il tema, scritto dal documentarista Guillaume Coudray che per dieci anni ha esaminato e indagato l'uso di nitriti e nitrati nella lavorazione delle carni. Who poisoned your bacon?, per ora disponibile in Italia solo in lingua inglese, racconta tutta la storia di come, dagli anni Settanta, l'industria della lavorazione della carne abbia negato i rischi per la salute perché questi additivi rendono la stagionatura più economica e veloce, prolungando la durata di conservazione e conferendo alla carne un piacevole colore rosa.

"Lo sapevate che pancetta, prosciutto, hot dog e salame sono classificati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come 'cancerogeni di categoria 1'? Li mangeresti se sapessi che provocano il cancro all'intestino a causa di nitriti e nitrati?" chiede in modo molto diretto Guillaume. "Questi additivi sono inutili. Il prosciutto di Parma non li contiene da quasi 30 anni, e infatti tutti i salumi tradizionali un tempo venivano prodotti senza nitrati e nitriti". Col tempo, l'industria soggetta al mercato, schiava della crescita di produzione a tutti i costi "ha fatto credere ai consumatori che questi espedienti siano inevitabili, che il cancro sia un rischio necessario per evitare altri problemi. Non è così. Artigiani e contadini europei sono forse le prime vittime delle manovre della lobby delle carni industriali lavorate e dei grandi interessi che essa rappresenta".  

Ma in conclusione, Guillaume offre un barlume di speranza: nell'era dei social media diventerà sempre più difficile nascondere il fatto che "i nitrotrattamenti rendono la carne cancerogena senza fini utili", e sarà sempre più costoso mantenere "le bugie su cui si fonda la lobby dei nitrati". Alla fine, infatti, la decisione è nelle mani del pubblico, del consumatore finale, che può scegliere se acquistare o meno i prodotti trattati con nitrati e nitriti: è proprio ai consumatori che si rivolge il libro di Guillaume, per "renderli consapevoli che quanto fatto finora ha provocato danni e morti, ma il futuro si può ancora cambiare". 

libro
 

 

Commenti
    Tags:
    tonnonitratinitritilibricarnecancroguillaume coudray
    in evidenza
    Leotta, indiscrezione clamorosa "Pare che Diletta non ha..."

    Bomba sul suo futuro

    Leotta, indiscrezione clamorosa
    "Pare che Diletta non ha..."

    i più visti
    in vetrina
    Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania

    Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania


    casa, immobiliare
    motori
    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.