A- A+
Libri & Editori
Ricolfi, gli errori e le bugie sul Covid: “Un governo di struzzi e incapaci”

La notte delle ninfee: il j’accuse di Luca Ricolfi contro il governo Conte

"Un governo di struzzi e incapaci, che ci terrorizza per farci obbedire”: così un mese fa a L’aria che tira, il sociologo Luca Ricolfi aveva etichettato l’attuale governo Conte, per cui non ha mai nascosto la sua completa sfiducia. Ora ha raccolto le sue analisi in un libro, in uscita a gennaio con La nave di Teseo, dal titolo La notte delle ninfee, un duro j’accuse che non risparmia nessuno.

Perché il nostro Natale poteva essere diverso.

Già autore de La società signorile di massa, la prima indagine basata su dati rigorosi che smaschera gli errori italiani nella gestione della pandemia, Luca Ricolfi, dal suo osservatorio della Fondazione Hume, sin dallo scorso febbraio analizza i dati relativi alla pandemia e alla sua gestione. Analisi non circoscritta solo all’Italia, ma allargata sempre, grazie ai “termometri” e ai “sensori” della Fondazione, alla situazione dei principali paesi europei e oltre.

Sulla base dei dati raccolti in questo libro in modo chiaro, sintetico e lineare, Ricolfi smaschera gli errori italiani nella gestione della pandemia e le conseguenti bugie di governanti, politici e amministratori volte a nasconderli.

Giungendo a conclusioni evidenti quanto sconcertanti:

1) la seconda ondata era evitabile, tanto è vero che molti dei paesi occidentali l’hanno evitata;

2) ritardi e incertezze ci sono costate decine di migliaia di morti e decine di miliardi di Pil, oltreché questo triste Natale;

3) se non facciamo subito quel che dovevamo fare ieri, la terza ondata arriverà e il disastro economico sarà completo e difficilmente reversibile.

Lontano da ogni ideologia e fuori dalla assurda dicotomia tra negazionisti e rigoristi, Ricolfi ci dimostra che la tragedia che ci ha colpito avrebbe meritato ben altra gestione, che era possibile farlo e che altrove è stato fatto.

"Se il ministro della Sanità quest'estate pubblica un libro autoelogiativo ed è costretto a ritirarlo, vuol dire che era convinto che le cose andassero bene e che la seconda ondata non sarebbe arrivata. Molti politici adottano la politica dello struzzo, cioè nascondono a se stessi le verità che gli studiosi indipendenti conoscono perfettamente e di cui li hanno avvisati". Luca Ricolfi a intervistato da Myrta Merlino a L’aria che tira.

Editore: La nave di Teseo

Collana: I fari

Data di pubblicazione: 14 gennaio 2021

Pagine: 164

Luca Ricolfi
 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    luca ricolficovidcoronavirusgovernola notte delle ninfeela nave di teseoluca ricolfi librocome si malgoverna un'epidemia
    Loading...
    in evidenza
    Bastianich, Matano e Pellegrini 'Il nostro talento segreto è...'

    Italia's Got Talent 2021, le interviste ai giudici

    Bastianich, Matano e Pellegrini
    'Il nostro talento segreto è...'

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta e Can Yaman insieme: "beccati" di nuovo. GUARDA TUTTE LE FOTO

    Diletta Leotta e Can Yaman insieme: "beccati" di nuovo. GUARDA TUTTE LE FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Con Factory 56, Mercedes inaugura lo stabilimento del futuro

    Con Factory 56, Mercedes inaugura lo stabilimento del futuro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.