A- A+
MediaTech
Amazon, quanta ipocrisia e aria fritta sui braccialetti

Il colosso tecnologico di Seattle, Amazon, decide di comunicare il brevetto di un dispositivo ( una sorta di braccialetto) che potrebbe dare al lavoratore maggiori indicazioni su come trovare la merce e recuperarla. Un prodotto tecnologico unico nato con l’obiettivo di velocizzare la ricerca e, in ultima analisi, favorire il lavoratore. Apriti cielo! Un diluvio di commenti dalle parti sociali a cui non è parso vero di poter attaccare qualcuno che ha il difetto di investire, creare posti di lavoro e magari pure di guadagnare.

Le forze politiche con il premier Paolo Gentiloni e il Ministro dello Sviluppo Produttivo Carlo Calenda in testa sono stati subito pronti e decisi ad affermare che ‘ il braccialetto’ non passera’ mai nel nostro paese, quasi fosse stata una richiesta da parte di Amazon di microcippare tutti i suoi lavoratori. 'Non ci sarà’ mai in Italia un momento in cui un braccialetto di questo tipo verrà dato ai lavoratori’.

Aria fritta per Amazon. Il gigante tecnologico sorpreso dalle polemiche

E Amazon già investita dalla bufera dei falsi quasi sorpresa da tutto questo clamore precisa che ‘ E’ stata una situazione strumentalizzata e paradossale, ogni giorno i nostri lavoratori utilizzano scanner e palmari per ricercare le merci nel rispetto di tutte le norme sul lavoro’. Ma ormai la voglia di attaccare il provvedimento non si ferma. Il sindacato , interrogato sul tema, quasi non ha voluto commentare l’iniziativa, considerandola fuori dal mondo. Insomma un torrente di commenti negativi contro un’idea tecnologica che, molto probabilmente, e’ stata molto strumentalizzata e di per sè non sembra presentare nulla di anomalo. Ma perché allora tutto questo rumore in un paese dove tutti sono geolocalizzati, stracontrollati, strascoltati ?

Aria fritta per Amazon. In Italia la privacy è finta

Innanzitutto si e’ pagato lo scotto di un sentimento che pervade una parte degli italiani, un sentimento che e’ antindustriale, antiamericano e antitecnologico. Insomma ben vengano gli investimenti stranieri ma solo ai nostri patti. E così, di questo passo, non si va molto avanti. Basta vedere la nostra compagnia di bandiera Alitalia che sta morendo lentamente senza compratori che vogliano avvicinarsi, ai diktat del sindacato. Il braccialetto per la ricerca di Amazon non e’ certo una fake news ma rappresenta un cambio epocale che gia’ si sta diffondendo su tanti livelli nel mondo del lavoro e che spaventa qualcuno, soprattutto per il fatto che ancora non si riesce a percepirne il valore e soprattutto lo sviluppo futuro. Il problema non e’ la tecnologia che avanza ma come questa tecnologia, in parte invasiva, opera con tutti i dati che si trova in mano. Se i dati vengono utilizzati per ‘fare’ fake news ecco questo e’ il vero rischio La vera preoccupazione di Stati Uniti ed Europa e’ che la nuova normativa sull’utilizzo dei dati sia corretta e tuteli davvero la privacy delle persone. Perché i miliardi di dati che i colossi della tecnologia e non solo incamerano ogni giorno rappresentano una vera ricchezza per il business e, se male usati, un pericolo per le persone.

Aria fritta per Amazon. Un can can da campagna elettorale

Ultima causale del can can mediatico e’ chiaramente la campagna elettorale in corso. Come perdere l’occasione di mostrarsi duri e puri contro un gigante che in alcuni casi ha avuto relazioni industriali in Italia magari non perfettamente coerenti con le logiche di un sindacato che ha fatto del suo vecchio modus operandi un cavallo di battaglia. Una scelta di stare fermi e non innovarsi per non morire. Per il momento.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
amazonbraccialetti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.