A- A+
MediaTech
Nomine Rai, dal cda ok a Fuortes. Orfeo-Tg3, Di Bella-Appofondimento...
Carlo Fuortes e Mario Orfeo

Nomine Rai, quelle indicazioni arrivate da Palazzo Chigi...


Importante riunione del cda Rai. Si facevano pronostici di una resa dei conti, con addirittura la messa in discussione della fiducia all’amministratore delegato Carlo Fuortes. Gli attori dovevano essere i consiglieri Francesca Bria, del Pd, Alessandro Di Majo, dei 5Stelle e Riccardo Laganà, dei dipendenti. Lo scenario è però tramontato con il voto di tutto il pacchetto predisposto da Fuortes, con 5 voti favorevoli su sette. Vuol dire che i partiti - si legge su www.primaonline.it - hanno dato il via libera alle scelte dell’ad, anche per evitare una crisi catastrofica a Viale Mazzini, con il referendum sulla giustizia alle porte e la guerra in Ucraina che continua feroce

.Fuortes ha incontrato tutti i consiglieri in colloqui privati, spiegando la crisi delle nomine alle direzioni dei Generi, aperta dallo scontro con Mario Orfeo, accusato di non aver portato in porto il suo lavoro sui palinsesti d’autunno. Palinsesti che sono all’ordine del giorno del Consiglio odierno con l’illustrazione, ma non l’approvazione.Si tratta dei primi composti con le regole dei Generi che saranno presentati il 28 giugno a Milano agli investitori pubblicitari.

Intanto il cda ha dato l’ok alle nomine: Mario Orfeo al Tg3, Antonio di Bella all’Approfondimento e Simona Sala all’Intrattenimento di day time.Ad esprimere parere favorevole, oltre all’ad Fuortes, la presidente Marinella Soldi, e i consiglieri Bria, Igor De Biasio e Simona Agnes. Parere non favorevole invece da Di Majo e Laganà.

Il giro di poltrone era stato predisposto da Fuortes dopo la crisi con Orfeo, con cui i contrasti erano cominciati con la decisione di spostarlo dalla direzione del Tg3, dove Orfeo aveva chiesto di rimanere, all’Approfondimento.

Ex direttore generale ed ex direttore di tutti e tre i tg Rai, Orfeo ha coperture politiche trasversali, con il Pd e Italia Viva come partiti del cuore, e ottimi rapporti con i giornali (ha diretto il Mattino e il Messaggero).Naturale che il suo siluramento, oltre a mettere l’azienda in forte fibrillazione, con la gran parte dei mega direttori che tifano per lui, abbia scatenato un inferno mediatico e reazioni preoccupate della politica, sempre più protagonista delle vicende di Viale Mazzini. Si dice che da Palazzo Chigi siano arrivate indicazioni per una sistemazione della vicenda con la ricollocazione di Orfeo al Tg3, spalleggiato dal Pd e il portavoce di Letta, Meloni, in pista.

La soluzione escogitata da Fuortes, e anticipata dalla stampa prima che venisse informato il Cda, ha suscitato irritazione tra i consiglieri, che si sono posti più problemi di bon ton aziendale che di merito delle scelte molto strategiche da cui dipende la futura offerta editoriale della Rai.Il vero tema infatti è che senso ha mettere pur bravissimi giornalisti, che però non hanno una preparazione manageriale, in posizioni come le direzioni dei Generi, in cui si richiede capacità gestionale e visione del prodotto con i risvolti economici e finanziari.

 

Leggi anche: 

Governo, crisi sulle armi a Kiev? 21 giugno data chiave. Conte e Salvini...

Draghi sempre più anti cinese: golden power sulla cessione di Robox

"Il Papa lascia? Non si può escludere. Dopo Ratzinger, dimissioni possibili"

Salario minimo, Bombardieri (Uil): "Attenzione a non indebolire i contratti"

Donnet ad Affari: “Chi gestisce Generali ha una grande responsabilità"

Come risolvere l'annoso problema delle carceri

Lista di proscrizione, Orsini: denuncio Corriere della Sera per diffamazione. VIDEO

Intesa Sanpaolo premia la crescita sostenibile al Salone del Mobile

BPER e Wecity accendono la sfida per la mobilità sostenibile

Pulsee, NFP è la prima collezione di NFT a impatto zero

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cda rai nomine orfeo





    in evidenza
    Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

    Che show a Belve!

    Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.