A- A+
Esteri
Draghi sempre più anti cinese: golden power sulla cessione di Robox

Draghi sempre più anti cinese: stop all'aumento delle quote cinesi nell'italiana Robox

La seta è sempre più stropicciata. L'Italia di Mario Draghi chiude i cancelli alla Cina, non solo politicamente ma anche economicamente. E dire che poco più di tre anni fa con la firma dell'adesione del governo Conte I alla Belt and Road Initiative sembrava che le relazioni tra Roma e Pechino fossero destinate a una golden era. E invece di golden è rimasto il power, il potere di veto esercitato per l'ennesima volta dall'esecutivo di SuperMario per bloccare acquisizioni di aziende italiane da parte di aziende cinesi.

L'ultimo episodio, infatti, è quello in cui il governo Draghi ha utilizzato il golden power per bloccare la cessione di tecnologia robotica dall'italiana Robox, con sede in provincia di Novara alla cinese Efort. L'accordo avrebbe comportato anche l'aumento dal 40 al 49% della quota di capitale di Robox detenuta da Efort Intelligent Equipment. Il governo italiano non ha sollevato obiezioni sull'incremento della quota, ma ha bloccato la cessione di tecnologia robotica verso la Cina.

A livello politico esultano diversi partiti. A partire, ovviamente, dalla Lega che dal post Papeete in poi è schierata su forti posizioni anti cinesi. "Bene l'utilizzo del golden power da parte del governo Draghi per bloccare aumento partecipazione cinese in Robox", ha detto per esempio l'europarlamentare della Lega Marco Dreosto. "L'industria strategica italiana, come quella della robotica, deve mantenere una sua indipendenza ed è necessario che lo Stato italiano faccia di tutto per allontanare mani di Pechino dai settori strategici nazionali, come quello della robotica. Il governo italiano - anche grazie all'apporto del ministro leghista Giorgetti - ha finalmente riallineato e riposizionato l'Italia con i partner e alleati storici occidentali e gli attestati di credibilità e stima ricevuti da Washington in queste settimane ne sono la certificazione più importante".

Ma anche il Partito democratico, che un tempo era molto favorevole a stringere i rapporti commerciali con la Cina, dimostra soddisfazione. "Si tratta di una misura importante per la sicurezza nazionale che va apprezzata, e che dimostra da un lato la validità dello strumento giuridico di tutela creato in questi anni e dall'altro l'esigenza di mantenere sempre alto il livello di attenzione" ha detto per esempio Enrico Borghi, responsabile sicurezza della segreteria nazionale Pd e membro del Copasir. 

Perché Draghi blocca l'affare su Robox

Ma che cos'è esattamente Robox? L'azienda ha sede a Castelletto Ticino, comune di poco meno di 10.000 abitanti in provincia di Novara. Opera nel settore della progettazione e della produzione di apparecchiature elettroniche, linguaggi di programmazione, ambienti di sviluppo per la robotica, per il controllo numerico delle macchine utensili, in generale per il controllo del movimento, per la quale il governo ha utilizzato la golden power per bloccarela cessione di licenze sulla tecnologia robotica nell'ambito di un annunciato aumento della partecipazione della cinese Efort Intelligent Equipment nell'azionariato di Robox.

Nel consiglio di amministrazione siede anche un rappresentante dell'azionista cinese. Come raccontato da Formiche, per l’operazione il gruppo cinese aveva messo sul piatto 2 milioni di euro. Inoltre, intendeva spendere 1 milione di euro per un accordo di licenza tecnica per accedere a codici sorgente e file. D'altronde Draghi ha impresso sin dall'inizio una svolta euroatlantica a Palazzo Chigi, estendendo l'utilizzo del golden power per fermare l'acquisizione di aziende italiane da parte di entità cinesi e ha anche promesso di esaminare con attenzione l'accordo sulla Belt and Road. 

Prima di Robox, il golden power era stato utilizzato per esempio nel settore dello sviluppo delle infrastrutture di rete 5G, ma anche sulla piccola azienda di semiconduttori di Baranzate, la Lpe. Nonché aveva paventato di fare la stessa cosa sui furgoni Iveco cercati dal colosso cinese Faw, che in precedenza aveva investito circa 1 miliardo nella motor valley emiliana. Draghi sta infatti lavorando ai fianchi Joe Biden, mostrandosi un alleato fedele alla ricerca della possibile nomina a leader della Nato.

Leggi anche: 

Referendum, Giorgetti: “Un'occasione per cambiare la giustizia"

"Giusto l'obbligo di mascherina per votare: il virus sta cambiando"

Medvedev (braccio destro di Putin): “Odio occidentali". Colera a Mariupol

Russia, Sgarbi: "Medvedev dice una cosa logica". Intervista

Governo, Borghi (Pd): "Armi a Kiev? Dobbiamo mantenere saldi i nostri impegni"

Draghi manderà ancora armi all'Ucraina...ma senza dirlo esplicitamente

Regionali, Majorino lancia le primarie: "Tre appuntamenti a ottobre"

Carolina Stramare e l'interista Radu: c'è una nuova coppia del calcio - FOTO

La principessa Anna d'Inghilterra dà da mangiare ai pinguini

Plenitude, inaugurata Feeling the Energy al Fuorisalone 2022

Adaptation Veneto, AcegasApsAmga è protagonista del webdoc

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cinaitaliamario draghi





    in evidenza
    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

    Europee/ L'idea di Lancini

    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
    C'è la casella Stop utero in affitto

    
    in vetrina
    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


    motori
    Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

    Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.