A- A+
MediaTech
Dirette a luci rosse a pagamento ma dall’ufficio comunale. IL VIDEO

Vicenda imbarazzante quella segnalata da Luca abete nel suo ultimo servizio per Striscia la notizia, andato in onda nella serata di lunedì 18 settembre.

Grazie alle segnalazioni di alcuni utenti, infatti, l’inviato ha scoperto che su un sito di live stream porno a pagamento si esibisce anche un’impiegata comunale, che sembra avere anche una fanbase molto attiva.

Nei filmati mandati in onda da Striscia la notizia, si vede la donna, di costituzione robusta, seduta alla sua scrivania mentre si esibisce in spogliarelli e ammiccamenti: “Nella mia stanza sono sola ma nell’altra stanza c’è gente”, spiega ai suoi fan. 

E tra un bacio e una palpatina, Luca Abete è riuscito a identificare l’intestazione di un documento da cui è risalito al comune campano in cui la donna lavora. 

dirette a luci rosse a pagamento ma dall'ufficio comunale
 

“Tesoro, se vuoi vedere una sco*ata o una pipp*ta” bisona pagare, spiega l’impiegata che, mentre è impegnata nel suo show, viene addirittura disturbata dal suono del citofono.  Alzandosi stizziata dalla sedia sbuffa: “Hanno rotto il ca*zo”, e poco dopo la si sente apostrofare una cittadina in cerca di informazioni: “Signora, il pomeriggio è chiuso, chiami domani mattina. Signora, ho delle cose da fare, siamo chiusi al pubblico”. “Mi fanno arrabbiare”, si sfoga tornando davanti alla webcam. 

Ma sul sito porno si ritrovano inconsapevolmente anche utenti che vogliono sbrigare pratiche amministrative, come una donna che chiede informazioni riguardo a un defunto.

dirette a luci rosse a pagamento ma dall'ufficio comunale
 

Nel suo servizio, Luca Abete mostra come lo show della “signorina” sia variegato e comprenda anche canzoni e… percussioni, come quanto mostra alla telecamera il suo sedere e se lo schiaffeggia. Ma non solo. In altri video si vedono partecipare anche dei colleghi che palpeggiano abbondantemente le procacità dell’impiegata.

dirette a luci rosse a pagamento ma dall'ufficio comunale
 

Ma come in ogni servizio di Striscia la notizia, arriva il momento in cui la protagonista viene messa faccia a faccia col misfatto. Dopo i primi tentativi di negare il suo coinvolgimento, quando Luca Abete le mostra il video che la vede protogonista e le chiede se si riconosce nelle immagini, la risposta della signora è: “Oh mamma mia, è partito per sbaglio”. “Ma tu guarda, parte tutte le mattine per sbaglio”, commenta sarcastico Luca Abete.

dirette a luci rosse a pagamento ma dall'ufficio comunale
 

Dopo altre schermaglie imbarazzanti per un’impiegata pubblica, la signora preferisce chiudersi nel suo ufficio, mentre Luca Abete affigge vicino all’ingresso della stanza il cartello: “Ufficio dirette porno”. “ufficio dirette porno”.

dirette a luci rosse a pagamento ma dall'ufficio comunale
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    luca abetestriscia la notizia
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.