A- A+
MediaTech
Feltri senza freni, caos a il Giornale: "Sallusti? Me ne sbatto i coglioni..."

Vittorio Feltri attacca tutti: Sallusti, Gasparri, Salis, Rackete e...

Vittorio Feltri ne ha per tutti. L'editorialista de Il Giornale era finito al centro delle polemiche per l'attacco al segretario di Forza Italia reo di non aver difeso, a suo dire, la premier Meloni in Europa. Ora però Feltri rilancia e attacca, oltre che lo stesso Tajani anche Gasparri (FI) ma non solo. Se la prende pure con il suo direttore Alessandro Sallusti. Su Tajani dice: "Lo ricordo quando faceva il redattore a Il Giornale, mi sembrava - dice Feltri a Il Fatto Quotidiano - un anonimo giornalista. Un pistola qualsiasi". Poi però lo elogia per la gestione del partito dopo la morte di Silvio Berlusconi. "Gli va dato atto che dopo la morte di Berlusconi non si è comportato male, se non altro ha tenuto in piedi la baracca". Feltri poi passa a Gasparri e lo definisce "il più pirla di tutti. Ho fatto un tweet sulla questione Tajani e ho fatto un refuso perché non ho dimestichezza coi social, subito Gasparri mi ha corretto e mi ha preso per il culo. Complimenti, Gasparri, hai un futuro come correttore di bozze".

Leggi anche: Feltri: "Salis? Come una cameriera di Catanzaro". Ira dei calabresi: querelato

Ma Feltri ne ha anche per il suo direttore a Il Giornale Alessandro Sallusti che ha preso le distanze dal suo editoriale contro Tajani. "Eh vabbè,- prosegue Feltri a Il Fatto - Sallusti lo conosciamo. Non è certo un cuor di leone. Faccia quello che vuole, io me ne sbatto i coglioni. Non ho problemi ad addormentarmi la notte se qualcuno si lamenta di quello che scrivo. E non ho nessuna stima di questi politichetti del cazzo". Feltri torna poi sulla minaccia di querela ricevuta per aver definito Ilaria Salis in merito al suo look alla prima a Bruxelles "una cameriera di Catanzaro". "Ho visto - dice Feltri - che è intervenuto anche il sindaco di Catanzaro, non ha di meglio da fare? Una volta si parlava delle massaie di Voghera, non mi risulta che a Voghera si sia mai offeso nessuno. Sono cambiati i tempi". Torna anche su Carola Rackete, la ex capitana della Ong eletta in Ue, attaccata per i peli sulle gambe. "Ma sì, era una semplice constatazione, mica una critica. Sembrano le gambe di un terzino della Spal. A me cosa dovrebbe fregarne, poi? Mica me la devo sposare. E nemmeno scopare, non credo che sarei in grado".






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.