A- A+
MediaTech
"Ferragni? Video di scuse inutile, compromesse immagine e reputazione"
Chiara Ferragni 

Chiara Ferragni, il gestore di crisi dopo lo scandalo con Balocco: "Non prenda in giro i cittadini"

Chissà cosa starà pensando adesso Chiara Ferragni, con un milione di euro in meno e la reputazione decisamente compromessa. Il caso, divenuto in breve tempo “scandalo”, che ha visto protagonisti la regina degli influencer e i pandoro della Balocco rappresenta certamente un brutto colpo per i due brand. E riguardo questo non c’è molto su cui disquisire.

Resta invece un dubbio. Che effetto avrà il video di scuse della Ferragni, in cui annuncia oltretutto l’importante donazione, sulla propria reputazione? Affaritaliani.it lo ha chiesto a Luca Poma, professore di Reputation management all'Università LUMSA di Roma e all'Università della Repubblica di San Marino, oltre che specialista in digital strategy e crisis communication.

Il video di scuse aiuterà l’influencer e la Balocco a far cadere tutto nel dimenticatoio?

Il filmato sarà efficace solamente con il pubblico più fidelizzato dell’influencer, quello capace di perdonare "tutto". Era il minimo che potesse fare, ed è anche arrivato in modo tardivo; l’influencer avrebbe dovuto pubblicarlo prima. Comunque, in questo momento, il sentiment dei social non sembra venirle in aiuto: secondo i primi sondaggi, infatti, il 69% dei commenti online sono negativi.

Questo video non è autentico, in quanto contiene intrinsecamente una bugia. Ferragni dice di donare un milione di euro per sostenere le cure dei bambini dell’Ospedale Santa Margherita, ma i soldi che mette non sono i suoi. Devolverà semplicemente la cifra che ha incassato dal business dei pandoro con Balocco. Non prenda in giro i cittadini.

Ferragni lo definisce un errore di comunicazione

Non è assolutamente un problema di questo tipo, la vicenda è stata chiaramente architettata in maniera discutibile fin dall’inizio. È stata manipolata la percezione del pubblico a fini di lucro. E non è la prima volta che succede. Chiara Ferragni è già finita nuovamente sotto i riflettori per una storia molto simile con al centro, questa volta, le uova di Pasqua. Mi sembra incredibile che un’azienda come la Balocco possa prestarsi a manovre di questo genere.

Che impatto pensa che avrà sui due brand?

Pesante, senza ombra di dubbio. Facendo un’analisi più generale, l’immagine e la reputazione di Chiara Ferragni e della Balocco sono state pregiudicate e compromesse. Questa storia rappresenta una vicenda triste che porta a tema che la reputazione è una cosa seria.

Dopo quanto tempo viene dimenticato un evento del genere?

La credibilità è molto complessa da costruire, mentre basta pochissimo per distruggerla. Difficile dire quanto tempo ci vorrà per far tornare le cose alla normalità, ma la strada per la Ferragni è sicuramente in salita.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.