A- A+
MediaTech
Funerali Elisabetta, la noiosa maratona della Maggioni fa il boom di share
Monica Maggioni

Rai, il funerale di Elisabetta II al TG1 tra noia e prevedibilità: ma la Maggioni fa comunque il boom di ascolti

Una cosa è certa. La scomparsa della regina Elisabetta II ha messo a nudo un fatto intuibile ma non prevedibile nella sua portata: pare che il mondo se ne impippi di democrazia e repubblica e punti decisamente alla monarchia con buona pace, almeno per il Regno Unito, di Oliver Cromwell e della sua battaglia. Secoli di chiacchiere sull’uguaglianza completamente oscurate dall’eterno sogno del popolo: essere governato da un Capo e in questo caso da una Capa, la Regina. Le scene di isteria collettiva a cui abbiamo assistito in questi giorni per le esequie regali ci fanno capire come stanno veramente le cose, con buona pace dei sociologi.

A questo si sommi l’impatto mediatico che trasforma ogni evento in uno show e il gioco è fatto. Avvisaglie, del resto, se ne erano già avute con la scomparsa di Diana, la “principessa buona”, che aveva potentemente impattato e fatto risuonare l’archetipo fiabesco che sembra ancora albergare in una umanità alla continua ricerca del sogno. E qui ci innestiamo sulla realtà. La direttrice del TG1, Monica Maggioni, ha superato sé stessa ammollando al telepubblico italiano, peraltro felicemente consenziente, una mega diretta che è iniziata la mattina ed è finita la sera. Terminata la maratona è seguita una intervista politica a Silvio Berlusconi.

La maratona è iniziata alle 11 e si è protratta fino alle 15 ma implacabilmente la Maggioni si è ripresentata dopo pranzo alle 16 ed è andata avanti fino alle 18, quando è subentrato il neocinquantenne Alberto Matano, anch’esso eccitato come una faina. E poi, evento storico, nella mattinata non c’è stata pubblicità con uno share del 33% nella mattina e oltre 4 milioni di spettatori.

In seguito la Maggioni ancora non paga, finita la diretta, da vera Wonder Woman, si è pettinata e si è precipitata a fare l’intervista di persona al Cavaliere chiaramente preconfezionata, visto che leggeva le risposte. Monica Maggioni, draghiana di ferro, presto dimissionaria, è stata presidente della Rai dal 2015 al 2018, preceduta da Anna Maria Tarantola e seguita da Marcello Foa che entrò in quota giallo - verde. La sua nomina invece fu appoggiata dal Partito Democratico e da Forza Italia.

Da quando è direttrice del Tg1 interpreta un affascinante ruolo di direttore / giornalista che le permette di assaporare ancora il brivido del lavoro vero ma con il confortevole paracadute di seta rosa (è la prima donna alla guida del Tg1) della direzione. Un po’ come quegli eredi di una grande fabbrica che per farsi le ossa fingono di essere per un po’ di tempo operai.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    elisabettamonica maggionirai





    in evidenza
    Affaritaliani.it cambia la proprietà: entrano Antelmi, Massa e Brave Capital

    Perrino resta direttore

    Affaritaliani.it cambia la proprietà: entrano Antelmi, Massa e Brave Capital

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

    Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.