A- A+
MediaTech
Intelligence, strumento di conoscenza. Le innovazioni del modello Russia-Cina

Quante pagine di letteratura sono state riempite nei secoli con racconti e suggestioni volte a predire il futuro? Dall’antichità classica, dove a Delfi le Pizie vaticinavano all’interno dell’omphalos i destini di uomini e civiltà, sino alla fantascienza e alle futuristiche/futuribili cronache sull’intelligenza artificiale. A ben vedere però, più che “previsto” il futuro va “costruito”, immaginando gli eventi prima che accadano e mettendo in opera tutte quelle azioni che lo rendano calibratamente conforme ai nostri desiderata.

In altri termini, serve fare della buona intelligence, intendendo essa quale scienza capace di anticipare proattivamente i possibili scenari del domani. A proposito di questa tematica, così cruciale tanto per la Politica (nazionale e internazionale) quanto per l’Economia, Affaritaliani intervista il Professor Luigi Sergio Germani, Direttore dell’Istituto Gino Germani di Scienze Sociali e Studi Strategici in Roma.

Professor Germani, può spiegarci che cosa sia davvero l’intelligence e a che cosa serva?

L’intelligence si può definire quale strumento di conoscenza al servizio della leadership politica di uno Stato. Più nello specifico, è uno strumento che fornisce alla leadership un vantaggio competitivo di conoscenza nel prendere decisioni di carattere tattico e strategico, nei campi della Politica, degli Esteri, della Sicurezza ma anche per quanto concerne i risvolti economici. L’intelligence serve per acquisire informazioni altrimenti non ottenibili con metodi ordinari, attraverso fonti aperte: qui le fonti sono non convenzionali, finanche formalmente illegali, se la gravità della situazione lo richiede.

Esiste inoltre un secondo aspetto da considerare con attenzione. Oltre a costituire uno strumento di conoscenza, l’intelligence è altresì mezzo di influenza e di intervento occulto nelle politiche e nelle azioni dei soggetti attenzionati. Le fattispecie più eclatanti e assertive di intelligence di questo tipo sono quelle russe e cinesi, per le quali ricavare vantaggi personali attraverso l’utilizzo strategico di influenza e capacità di condizionamento è un cardine dell’ossatura politica statale.

Professor Germani, questa Sua puntualizzazione sottende il fatto che altri player mondiali, come l’Europa, siano ancora acerbi per quanto concerne le strategie di influenza?

Il punto vero è che sono diverse le architetture giuridiche alla base dei modelli di Stato, e dunque di intelligence. Ci sono Paesi europei, fra i quali Francia e Regno Unito, che vantano intelligence estremamente efficaci, specie per quanto concerne l’approccio HUMINT (Human Intelligence), basata per l’appunto sul reperimento di informazioni tramite relazioni interpersonali. Queste sono Nazioni democratiche, sono le Nazioni del blocco occidentale. Russia, Cina, India e Iran hanno culture marcatamente diverse, in quanto non vincolate da alcun controllo costituzionale: così il loro livello di spregiudicatezza (ancorché per fare intellicence sia necessario essere spregiudicati) è di gran lunga maggiore.

Esiste poi un ulteriore punto dirimente: le agenzie di intelligence in Occidente non sono un potere autonomo, a differenza di quanto accade in Nazioni scarsamente democratiche. Non è possibile comprendere le dinamiche di realtà come la Cina, la Russia o l’Iran se non si conosce il funzionamento delle loro polizie segrete.

Questo aspetto di influenza esercitato dall’intelligence non è così radicato in Occidente, specie nella nostra Europa, dove l’obiettivo fondamentale resta la raccolta di informazioni. Guardando l’altra sponda dell’Atlantico, durante la Guerra Fredda la CIA aveva invece portato avanti controverse operazioni di questo tipo, sovvenzionando tra l’altro alcuni partiti politici europei in chiave antisovietica. I Paesi autocratici o retti da autoritarismi non hanno per contro alcun freno inibitore. Da noi esiste un attivismo molto forte di Russi e Cinesi per influenzare tanto la politica quanto l’economia: sanno infiltrare molto bene i loro uomini. Una delle più importanti sfide per la sicurezza consiste proprio nel controllare l’attività di queste agenzie.

Professor Germani, all’inizio di Marzo il Capo della Diplomazia europea, Joseph Borrell, aveva dichirato l’Europa di fatto demunita e impreparata a fronteggiare le nuove minacce poste in essere da Russia e Cina, specie per quanto concerne le frontiere della cyber-security. In termini di intelligence, non è stato un controproducente alzare bandiera bianca?

Io credo che Borrell abbia voluto dimostrare un’evidenza, ponendo l’accento sulla improcrastinabile necessità di fronteggiare le minacce ibride a livello europeo. Con minacce ibride intendo le forme di aggressione perpetrate non con strumenti militari tradizionali ma a mezzo di attacchi cyber, disinformazione, propaganda, sostegno a movimenti eversivi e attività politiche turbolente: viatici con i quali screditare il nostro modello di Democrazia liberale, avvalorando invece quelle forme autocratiche tipiche, appunto, di realtà quali quella russa e soprattutto cinese. Questi assalti fanno parte di una strategia di guerra ibrida rispetto a cui – purtroppo è vero – la nostra Europa risulta ancora indietro.

Quali sono i tratti distintivi della strategia di intelligence russa e cinese? Cominciamo da quella russa.

Sia per Mosca sia per Pechino, la strategia di influenza è su larga scala, politico-economica e culturale. La Russia di Putin coltiva ormai da tempo il proposito di indebolire l’UE e la NATO creando divisioni e instabilità fra i singoli partner europei. Si tratta, se vogliamo, di concretizzare la nota massima latina del “divide et impera”. Per farlo, non ha ricusato collegamenti con gruppi estremisti, tanto a Destra quanto a Sinistra.

L’élite di potere russa ha una visione paranoica del mondo, ritenendo di poter rafforzare la propria stabilità (e segnatamente quella di Putin) solo svilendo e indebolendo l’altrui sicurezza. A partire dal Maggio 2012, con il ritorno al potere di Vladimir Putin dopo la breve parentesi di Dmitrij Medvedev, numerose rivolte e manifestazioni erano fioccate a Mosca e in altre città russe, come protesta contro il regime. Per farvi fronte, il Cremlino – convinto che esse fossero fomentate dai servizi segreti occidentali – aveva reagito con una recrudescenza di autoritarismo, intraprendendo azioni destabilizzanti un po’ ovunque nel vecchio continente. Questo è il concetto chiave: nel mirino sia di Mosca sia di Pechino c’è la Democrazia. Vogliono destabilizzarla, e dunque destabilizzarci.

Esiste poi una capacità fisica di penetrazione economica, mediata da ricchissimi oligarchi legati direttamente al Presidente Putin, i quali non esitano ad avvalersi anche della corruzione come strumento strategico di influenza, cooptando personalità dell’élite.

Qual è invece, in questo senso, il marchio di fabbrica del Dragone?

Il modello di intelligence cinese è più subdolo. Punta a penetrare l’Economia attraverso la Cultura, insinuandosi in Università, centri studi e think tank. Tuttavia, a differenza dei Russi, i quali operano con l’urgenza di creare subito caos e instabilità, i Cinesi manifestano una prospettiva temporale molto più lunga. Hanno, come dire, meno conflittualità con il cronometro. Inoltre, quello dell’assalto ai poli culturali (id est scientifici e tecnologici) occidentali è un movens acclarato da doviziosi rapporti internazionali, fra cui quello Strider del Novembre 2019.

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    intelligenceluigi sergio germaniistituto gino germani
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.