A- A+
MediaTech
Netflix, la pacchia di condividere l’abbonamento è finita

Netflix, basta alle condivioni degli abbonamenti

“La pacchia è finita” questa la sintesi del messaggio lanciato da Netflix che ha deciso di chiudere, cosi come ha fatto DAZN, la possibilità di condividere in più persone lo stesso abbonamento. La condivisione dell’account è stato uno dei grandi valori che hanno permesso la crescita del Gruppo a livelli mondiali. Netflix ha fissato una data precisa del cambiamento di rotta, sarà entro il primo trimestre dell’anno.“Sappiamo che questa non sarà una mossa universalmente popolare", ha detto il Ceo Greg Peters alla presentazione dei risultati "Ci saranno molti abbonati che non saranno contenti di questa misura e magari qualcuno ci lascerà”. Secondo Netflix oltre 100 milioni di famiglie condividono i programmi della rete. "La diffusa condivisione degli account di oggi rallenta la nostra capacità a lungo termine di investire e migliorare Netflix, facendo crescere il nostro business”.

Netflix, 2022 un anno record con 230 milioni di abbonati

Il gruppo ha chiuso l’anno passato con il record di 230 milioni di abbonati. Fino ad ora la società aveva chiuso un occhio sul tema “condivisione” ma adesso l’approccio soft sembra essere giunto al termine. "Abbiamo lavorato-spiega Greg Peters-per creare nuove funzionalità aggiuntive che migliorano l'esperienza Netflix, inclusa la possibilità per gli abbonati di verificare quali dispositivi stanno utilizzando il proprio account e trasferire un profilo su un nuovo account". Già a ottobre Netflix aveva lanciato l'opzione per trasferire il profilo. L’utente sarà così  in grado di copiare le informazioni accumulate nell'account precedente. I dati che verranno trasferiti, sono i consigli, lo storico delle visualizzazioni , i titoli della propria lista, i videogiochi scelti, le configurazioni stabilite e altro ancora.

Netflix, il nuovo modello di abbonamento

Come sarà il nuovo modello di abbonamento condiviso? “Mentre la condivisione a pagamento verrà implementata gli utenti di molti paesi avranno la possibilità di pagare di più se desiderano condividere Netflix con persone con cui non vivono". Rispondendo alla domanda su come Netflix motiverà i clienti a pagare qualche euro in più Peters ha soltanto confermato che si sta cercando di trovare il giusto equilibrio nelle nuove offerte di abbonamento. L’operazione sarà scaglionata in due trimestri. Il messaggio positivo che l’azienda ha voluto mandare è che “tutti gli utenti potranno guardare Netflix mentre viaggiano, su un televisore o su un dispositivo mobile “. Nessuno del Gruppo ha nascosto i timori che il nuovo approccio possa ridurre, nel breve termine, il numero degli abbonati , ma tutti sono confidenti che l’effetto sarà temporaneo e la crescita riparta. E da ultimo il tema pubblicità. Netflix si è dichiarata soddisfatta dei primi risultati del servizio con la pubblicità nell'esperienza dell'utente, il valore per gli inserzionisti e il contributo al business. E così il messaggio finale è positivo “I piani supportati da pubblicità ci danno l'opportunità di presentare al consumatore un prezzo inferiore che in parte compensa la soppressione delle password condivise”.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
abbonamentocondivisionedaznnetflix






in evidenza
Affari in rete/ Dall'Africa ecco il tavolo da biliardo "fai da te"

Guarda le immagini

Affari in rete/ Dall'Africa ecco il tavolo da biliardo "fai da te"


in vetrina
I social impazziscono per Kissabel: la mela dalla polpa rossa è virale

I social impazziscono per Kissabel: la mela dalla polpa rossa è virale


motori
Alfa Romeo, il nuovo B-Suv si chiamerà Brennero?

Alfa Romeo, il nuovo B-Suv si chiamerà Brennero?

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.