A- A+
Medicina
Alzheimer, nasce "Lecanemab": il nuovo farmaco che dà speranze ai malati

Alzheimer, le speranze dal nuovo farmaco Lecanemab

Anche se a piccoli passi le buone notizie arrivano dal mondo della ricerca scientifica. E’ sperimentale ma molto promettente, è un farmaco che sembrerebbe avere il potenziale per rimuovere una sostanza chiamata amiloide dal cervello e conseguentemente rallentare il morbo di Alzheimer. 

I primi risultati sono significativi. Il farmaco, denominato "lecanemab", ha ridotto del 27% il tasso di declino cognitivo, e questo in uno studio su 1.800 pazienti nelle prime fasi dell'Alzheimer. La notizia è stata data  dai ricercatori al meeting Clinical Trials on Alzheimer's Disease a San Francisco e lo studio è stato pubblicato da “The New England Journal of Medicine”.

Alzheimer, lieve miglioramento tra i pazienti testati

I pazienti testati che hanno ricevuto "lecanemab" hanno avuto un lieve miglioramento. Circa mezzo punto in più su una scala di funzionamento mentale da zero a 18 punti, una differenza piccola ma statisticamente significativa. Il dottor Christopher van Dyck, direttore del Centro di ricerca sull'Alzheimer di Yale ha confermato che i risultati sono solidi e reali. A dissentire Madhav Thambisetty del National Institute on Aging, che ha definito i risultati "un effetto molto limitato che potrebbe non essere assolutamente avvertito dai pazienti”.

Una persona su cinque che ha ricevuto lecanemab ha avuto qualche controindicazione come gonfiore, sanguinamento nel cervello, mal di testa, disturbi visivi e confusione. “Ma la maggior parte degli effetti collaterali sono "da lievi a moderati”- ha osservato Marwan Sabbagh del Barrow Neurological Institute- e il numero di anomalie rilevate sulle scansioni cerebrali era "entro le aspettative”. Nonostante ciò qualche critico ritiene il Iecanemab un farmaco abbastanza delicato che avrebbe dei rischi superiori agli effetti benefici.

Alzheimer, il farmaco sviluppato da giapponesi e americani

Lecanemab è stato sviluppato dalla società giapponese Eisai con la società statunitense Biogen. L'apparente successo di lecanemab arriva dopo molti anni di frustrazione e fallimento per le aziende che sviluppano farmaci progettati per eliminare l'amiloide dal cervello.

Finora, solo un farmaco amiloide, Aduhelm, aveva ricevuto l'approvazione dalla Food and Drug Administration. Quel farmaco, sviluppato da Eisai e Biogen, è stato approvato nel 2021. Le vendite di Aduhelm sono state lente, soprattutto perché Medicare coprirà il farmaco solo per i pazienti che partecipano a una sperimentazione clinica.

Ma i malati di Alzheimer e le loro famiglie stanno già anticipando l'arrivo del lecanemab, nonostante i suoi limiti. La Food and Drug Administration dovrebbe prendere una decisione entro il 6 gennaio 2023.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alzheimerfarmaco fdapazientirisulatistudio




in evidenza
Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

Analogie tra bandiere in panca

Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.