A- A+
Medicina
Aviaria H5N8, una nuova pandemia nel prossimo futuro dell’umanità

Lo si dice spesso, una pandemia tira l’altra, purtroppo, ma quello che due scienziati cinesi, Weifeng Shi e George Fu Gao hanno ipotizzato che potrebbe succedere a breve è davvero preoccupante.

Orbene i due sulla prestigiosa rivista Science hanno sostenuto che, dopo il Coronavirus, dovremmo aspettarci un'altra pandemia provocata dal noto virus dell'influenza aviaria codificato come H5N8 e soprattutto dalle sue varianti.

L'agente patogeno non è nuovo e circola in Europa da oltre sei anni colpendo milioni di uccelli selvatici e polli.

Già a febbraio di quest’anno la Russia aveva avvertito, contrariamente ha quanto aveva fatto la Cina per il Covid-19, che il virus aveva contagiato per la prima volta esseri umani. Nel caso specifico dei lavoratori impiegati in una fattoria “mostre” da quasi un milione di galline nel’Astrakan. Positivo il fatto che nessuno avesse mostrato sintomi.

I due cinesi sono sembrati molto meno ottimisti ”La diffusione mondiale dei virus dell'aviaria H5N8 è un problema di salute pubblica che potrebbe causare pandemie drammatiche nel mondo”.

I due non sono proprio degli sconosciuti: George Fu Gao è il direttore generale del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie e Weifeng Shi è direttore nel Laboratorio per le malattie infettive presso le università dello Shandong. Insieme hanno lavorato anche sul Covid-19.

Ben 46 paesi tra Asia, Africa ed Europa hanno segnalato epidemie di aviaria negli uccelli, una prima variante dell’H5N8 ha obbligato a sopprimere oltre 20 milioni di polli in Corea del Sud e Giappone.

“Non dobbiamo assolutamente sottovalutare il problema” dicono i due scienziati ,anche se alcuni colleghi veterinari europei ricordano come già l'agenzia europea ECDC avesse ritenuto il rischio piuttosto basso sia per i lavoratori del comparto avicolo, sia per la popolazione in generale.

I virus dell'influenza, così come il Coronavirus, hanno due proteine ​​sulla loro superficie, emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N), con sottotipi numerati diversi, da cui il nome H5N8.

Questi tipi di virus, osservano molti virologi, passano di tanto in tanto dagli uccelli alle persone.

L'H5N1 ha causato centinaia di casi umani, molti dei quali fatali, ad Hong Kong nel 1997. Fortunatamente per noi umani il passaggio dagli animali non è così comune ma il vero rischio è quello delle varianti che potrebbero davvero creare i presupposti per una nuova pandemia. Infatti, secondo molti virologi,

La capacità mutazionale del virus dell'influenza è forte e ha il potenziale per generare una pandemia molto peggiore di quella che stiamo soffrendo ora ma questo potrebbe accadere il prossimo mese o tra 100 anni.  In ogni caso l’umanità sembra davvero doversi sempre più confrontare con problemi che fino all’anno scorso sembravano solo vicende raccontate nei libri di storia.

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    aviariacovid-19pandemiacinarussiapolliuccelli
    in evidenza
    Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

    Meteo previsioni

    Aria fredda polare sull'Italia
    Fine maggio da... brividi

    i più visti
    in vetrina
    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


    casa, immobiliare
    motori
    BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

    BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.