A- A+
Medicina
LUCE BLU SMARTPHONE danneggia gravemente la vista. Allarme luce blu monitor

ALLARME LUCE BLU SMARTPHONE: LA LUCE BLU DEL MONITOR CAUSA LA DEGENERAZIONE MACULARE

La luce blu degli schermi del telefono accelera la cecità, lo prova un nuovo studio scientifico.

La luce proveniente dai dispositivi digitali innesca la creazione di molecole tossiche nella retina che possono causare la degenerazione maculare.Gli scienziati dicono di aver scoperto quanto la luce blu proveniente da smartphone, laptop e altri dispositivi digitali danneggi la vista e possa accelerare la cecità.

LUCE BLU SMARTPHONE DANNEGGIA LA VISTA: LO STUDIO

La ricerca dell'Università di Toledo negli Stati Uniti ha rivelato che un'esposizione prolungata alla luce blu dello smartphone attiva molecole velenose nelle cellule sensibili alla luce dell'occhio che possono causare la degenerazione maculare - una condizione incurabile che colpisce la parte centrale del visus.

Questo avviene perché la luce blu dello smarphone ha una lunghezza d'onda più breve e più energia rispetto agli altri colori che può causare gradualmente danni agli occhi.

Il dott. Ajith Karunarathne,  assistente professore nel dipartimento di chimica e biochimica dell'università, come riporta il The Guardian, ha dichiarato: "Siamo esposti continuamente alla luce blu dello smartphone e dei pc e la cornea e la lente dell'occhio non possono bloccarla o rifletterla. Non è un segreto che la luce blu fa male alla nostra vista danneggiando la retina dell'occhio. I nostri esperimenti spiegano come ciò accade e speriamo che questo porti a terapie che rallentino la degenerazione maculare, come ad esempio un nuovo tipo di collirio."

LA LUCE BLU DELLO SMARTPHONE FA MALE: DEGENERAZIONE MACULARE COS’È

La degenerazione maculare è una condizione comune tra le persone di età compresa tra 50 e 60 anni che si traduce in una significativa perdita della vista. La causa della degenerazione maculare è la morte del fotorecettore, cioè cellule sensibili alla luce, nella retina.

La degenerazione maculare legata all'età è la principale causa di cecità negli Stati Uniti e, anche se non causa cecità totale, può rendere difficili le attività quotidiane come leggere e riconoscere i volti.

Le cellule dei fotorecettori hanno bisogno di molecole chiamate retiniche per rilevare la luce e attivare la segnalazione al cervello, permettendoci di vedere.I ricercatori hanno scoperto che essere esposti alla luce blu provoca la retina scatenare una catena di reazioni che porta alla creazione di molecole tossiche nelle cellule dei fotorecettori.

Per coloro che vogliono proteggere i loro occhi dalla luce blu, il consiglio è  di indossare occhiali da sole in grado di filtrare sia la luce UV che quella blu all'esterno evitando di navigare su telefoni cellulari o tablet al buio

 

Tags:
luce blu smartphoneluce blu cellulareluce blu dello smartphonedegenerazione maculare
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.