A- A+
Medicina
Neonato muore dopo dose di vitamina D: sospesa la vendita di questo farmaco

Morto bimbo di 10 giorni: prendeva integratore vitamina D

Sono state sospese in Francia le vendite di un integratore di vitamina D dopo la morte, a dicembre, di un neonato di 10 giorni a cui veniva somministrato il prodotto. Come ha spiegato il ministro della Salute Marisol Touraine, la decisione è stata presa dall'agenzia Ansm, che vigila sulla sicurezza dei farmaci, per motivi precauzionali.



Vendite sospese dopo morte del bimbo che prendeva Uvesterol D

 


Il 21 dicembre scorso è morto un neonato a cui veniva somministrato Uvesterol D, prescritto in caso di deficit di vitamina D nei bambini piccoli. L'ANSM aveva già avvertito dei rischi di una scorretta somministrazione dell'integratore dopo casi di malori specialmente tra prematuri e neonati sotto il mese di età.

Tags:
neonato muore vitamina dneonato vitamina d mortofarmaco ritirato vitamina d
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.