A- A+
Politica
Alessandro Di Battista vuole tornare con Conte: i rumors di una pace a 5S
Giuseppe Conte e Alessandro Di Battista

C’è da capire come Di Battista intenda portare avanti temi di importanza mondiale come la sua lotta a favore del popolo palestinese

Strana vicenda quella di Alessandro Di Battista. La sua candidatura è stata di fatto bloccata da Grillo e Conte ma mentre per l’Elevato ha avuto parole molto dure definendolo addirittura un “padre padrone” di cui politicamente non si fidava più, per Conte ha avuto parole di latte e miele, definendolo un “galantuomo”, dimenticando appunto però che pure lui ha avuto un ruolo decisivo a stopparlo.

Giulio Andreotti diceva che a pensar male si fa peccato ma si è quasi sempre nel giusto e poiché c’è ancora tempo fino al 22 agosto per presentare ufficialmente le liste non è che Di Battista voglia tenere ancora buoni rapporti con Conte per questo motivo?

In effetti il meccanismo delle cosiddette “parlamentarie” è abbastanza complesso e ancora non spiegato nei dettagli tecnici, in cui, come è noto, si nasconde sempre il diavolo.

Inoltre i capilista li decide proprio Conte. Dal punto di vista logico, dopo la rottura con i Cinque Stelle, ci si sarebbe aspettato che Di Battista avesse calato l’asso nella manica di un Movimento alternativo, magari con i fuoriusciti pentastellati e soprattutto con Davide Casaleggio che di Conte è acerrimo nemico.

Proprio il figlio di Gianroberto infatti, aveva detto insieme alla moglie Enrica Sabatini, che Conte aveva tradito lo spirito del Movimento stesso.

Tuttavia, l’enigmatico ex deputato di Roma nord ha smentito che lui volesse fare qualcosa del genere limitandosi a dire che avrebbe fatto politica da “fuori” il Parlamento.

C’è da capire come Di Battista intenda portare avanti temi di importanza mondiale come la sua lotta a favore del popolo palestinese, oppure contro l’utilizzo del franco francese in Africa, o sul reddito di cittadinanza e il salario minimo, stando fuori da dove si fanno le leggi e quindi si cambia la società.

Forse si vuole iscrivere al Comitato di quartiere del Laurentino 38 e da lì arringare il mondo?

È ovvio che quanto afferma Di Battista non convince. Proprio le belle parole che ha avuto per Conte e la determinazione con cui ha negato qualsiasi ipotesi di un nuovo Movimento con Casaleggio può invece far pensare che i giochi per le candidature non siano ancora fatti.

Infatti, il silenzio che Dibba questi giorni coltiva con ammirevole dedizione fa pensare ad altro. Sono solo ipotesi per carità. Ma il dubbio viene.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    alessandro di battistacontem5s





    in evidenza
    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    L'attacco a Fernando Alonso

    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.