A- A+
Politica
"Aprire il porto ai mercati orientali", Beppe Mao vuole la Cina a Taranto
La vignetta del saggio Yogananda per Affaritaliani.it 

Taranto, Beppe Mao punta la Cina ma il governo lo stanga

Beppe (Mao) Grillo sono anni che flirta con la Cina ed il suo non è un amore platonico, da comico innamorato delle smancerie orientali. No, la sua passionaccia abbraccia e bacia il business - ma non quello piccolo - bensì quello su grande scala. Così per mostrare la sua benevolenza verso il Celeste Impero nel 2019 Di Maio, cioè allora l’Italia, firmò il memorandum chiamato della “Via della Seta” che si rinnova automaticamente a fine anno, Meloni permettendo.

Taranto è una perla gustosa al confine tra due mari e comunque incastonata nel Mediterraneo. Una perla che ha sempre fatto gola a molti che se la vorrebbero pappare in un sol boccone per farne un hub strategico. Una vera porta di ingresso Orientale all’Europa.

Ogni tanto la vicenda riemerge dalle correnti carsiche della politica. L’ultima volta che se ne parlò seriamente fu una proposta di Romano Prodi nel 2006 in cui il leader emiliano si sentiva molto con gli occhi a mandorla. Ma non se ne fece niente.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinagrillotaranto





in evidenza
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Cronache

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


in vetrina
PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate

PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate


motori
Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.