A- A+
Politica
"La Bce crea instabilità. Lagarde conti fino a 10 prima di parlare"

"La Bce è una istituzione che dovrebbe assicurare la stabilità dell'area euro, invece fa esattamente il contrario e crea instabilità"


Lo spread è tornato stabilmente sopra 200 punti. Imprese e famiglie con il mutuo sulla casa ringraziano la signora Christine Lagarde, inadatta presidente francese della Banca Centrale Europea, che - per usare le parole del ministro della Difesa Guido Crosetto - ci ha fatto un "regalo di Natale" alzando i tassi di interesse di un altro mezzo punto. Una scelta del tutto incomprensibile e per certi versi assurda. Dovrebbe dimettersi la signora Lagarde? "E' un problema della Bce, visto che è un'autorità autonoma", risponde ad Affaritaliani.it Claudio Borghi, capogruppo della Lega in Commissione Bilancio al Senato.

"Sta di fatto che bisogna ragionare sul buon senso, che in questo caso non c'è stato. L'inflazione nella zona euro è esogena, come tutti sanno, cioè importata principalmente dai prezzi dell'energia. Il rialzo dei tassi di interesse incide, e dovrebbero saperlo anche a Francoforte, quando l'inflazione viene generata da un eccesso di consumi e quindi di spesa da parte delle famiglie. Facciamo un esempio: una persona può avere caldo sia perché ha la febbre o perché fa caldo. La soluzione può essere prendere la tachipirina o accendere il condizionatore. La signora Lagarde sta accendendo il condizionatore per combattere la febbre alta. Una soluzione che addirittura rischia di peggiorare la situazione del paziente, cioè dell'economia italiana ed europea. La Bce è una istituzione che dovrebbe assicurare la stabilità dell'area euro, invece fa esattamente il contrario e crea instabilità".

Secondo Borghi, "la decisione di alzare di un altro 0,5% i tassi di interesse giova solo alla Germania, che, nonostante sia un'inflazione importata, teme fortemente il rialzo dei prezzi. E quindi la Bce si muove per far contento il governo di Berlino. Strumento inadatto, ma tutto fa brodo. Da quanto leggo su alcuni giornali, ricostruzioni abbastanza realistiche, alcuni membri del board della Bce avrebbero voluto aumentare il costo del denaro dello 0,75% e il compromesso è stato trovato su un rialzo di mezzo punto ma con commenti molto duri e pesanti che lasciano aperta la possibilità di nuovi incrementi dei tassi di interessi. Non si gestisce così la Bce, Lagarde destabilizza i mercati. Diciamoci la verità, Mario Draghi gestiva decisamente meglio la banca centrale". Un consiglio alla signora Lagarde? "Contare fino a dieci prima di parlare. Sarebbe meglio e farebbe meno danno", conclude il leghista Borghi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bce lagardetassi di interesse borghi lega





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve

Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve


motori
Renault Lancia rnlt©, il nuovo concept di vendita

Renault Lancia rnlt©, il nuovo concept di vendita

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.