A- A+
Politica
"Berlusconi al Quirinale a portata di mano.Con lui oltre 60 Pd, 5S, Iv, Misto"
Silvio Berlusconi 

Quirinale, Rotondi: "Toti non tradirà Berlusconi. E sono certo nei voti di Salvini e Meloni"

"Se i parlamentari di Italia Viva votassero Berlusconi sarebbe sicura la sua elezione al Quirinale", spiega ad Affaritaliani.it l'ultimo democristiano in Parlamento, Gianfranco Rotondi, profondo conoscitore dei segreti del Palazzo. L'ufficio stampa di Iv ha smentito quanto ha detto e confermato Gianfranco MIcciché, coordinatore di Forza Italia in Sicilia, e cioè che Renzi gli avrebbe confidato che voterà l'ex Cavaliere ed ex premier come presidente della Repubblica. Ma Rotondi non si fida: "Mi sembra una vulgata giornalistica che non trova la mia conferma. Ho molta simpatia per Renzi, ma con lui non abbiamo mai fatto un affare (politico). L'uscita di Berlusconi dal Senato avvenne con Renzi, senza dimenticare la rottura del Patto del Nazareno proprio con il leader di Italia Viva. Guardando ai precedenti, insomma, non sono ottimista. Ci credo quando (e se) lo vedo".

Rotondi però considera l'elezione di Berlusconi alla presidenza della Repubblica "a portata di mano, sono molto fiducioso che possa coronare la sua lunga stagione politica con il Quirinale. In Parlamento, considerando il Gruppo Misto, il Pd, Iv e il M5S ci sono più di sessanta estimatori di Berlusconi che sono pronti a votarlo nel segreto dell'urna, anche se non lo diranno mai al diretto interessato". La quarta votazione, quando servirà la maggioranza assoluta di 505 per eleggere il Capo dello Stato, "potrebbe diventare un ballottaggio tra Berlusconi e il suo competitor di Centrosinistra. E chi verrà eletto avrà vinto la sfida, come accadde con Giuseppe Leone, per un numero di voti che al massimo si contano su una mano".

Chi potrebbe essere il competitor del leader di Forza Italia? "Non lo so e non tocca a me sceglierlo. Mi piacerebbe una sfida con Romano Prodi, come successo tante volte in passato. Deciderà l'Aula poi chi sarà il Presidente e non è detto che per essere unitivo un Capo dello Stato debba essere votato da una larga maggioranza, può diventare in seguito unitivo". Non teme franchi tiratori nel Centrodestra, magari nei partiti più piccoli? "Escludo che Giovanni Toti, i suoi parlamentari e gli altri di Centrodestra manchino di lealtà a Berlusconi. E' stato lui ad aprirgli l'accesso alle istituzioni. E mi fido anche di Matteo Salvini e Giorgia Meloni, che con Berlusconi al Colle potrebbe stare molto tranquilli. Gli interessi politici vanno oltre le idee", conclude Rotondi.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    berlusconi capo dello statoberlusconi presidente della repubblicaberlusconi quirinalesilvio berlusconi
    in evidenza
    Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

    Quirinale/ Rete scatenata

    Mentana all'inizio della maratona
    Il Colle, il voto e l'ironia social

    i più visti
    in vetrina
    Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

    Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

    Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.