A- A+
Politica
Bisignani alla Piazza di Affari: "Extraprofitti banche? Meloni ha sbagliato"
Angelo Maria Perrino intervista Luigi Bisignani

Bisignani a La Piazza di Affari: "Da Mattarella tirate di capelli alla premier"

"Il passato non facile di Giorgia Meloni ha donato alla premier un carattere molto forte, tant'è che il suo soprannome è 'la Ducetta'. Effettivamente, comanda il Consiglio dei ministri in maniera assoluta. I suoi ministri hanno poche possibilità di colloquio", spiega Bisignani. "Però", continua, "esattamente come fece Napolitano con Berlusconi, anche Mattarella dal Meeting di Rimini, lui che aveva sempre sostenuto la Meloni, ha mostrato le prime tirate di capelli...".

LEGGI ANCHE: Bisignani a Trento tuona sul governo: “Giorgia fuoriclasse, Urso andrà a casa"

LEGGI ANCHE: Meloni e 007, dopo l’anteprima di Affari Renzi lancia allarme intercettazioni

Bisignani a La Piazza di Affari: "La massoneria in Italia non ha mai influito. Si è sgretolato il potere finanziario e politico"

Ma Bisignani, oltre che dei vertici della classe politica, parla anche del potere "sottostante" nel nostro Paese. "Come diceva Andreotti, la massoneria dagli anni '50 in poi in Italia non ha mai influito come in Francia e in Inghilterra. Anche l'Opus Dei, grande progetto organizzazione, è stata bombardata da Bergoglio che, praticamente, l'ha commissariata". 

E continua: "I poteri forti non esistono più. Anche perché si è persa quella forza della finanza e delle grandi aziende italiane. La Fiat è in Olanda, le grandi banche sono controllate da Francia e Germania. Mediobanca è diventata una finzione di sé stessa. È il potere ad essersi sgretolato, così come la politica". 

"I partiti di un tempo", continua Bisignani, "rappresentavano di più la democrazia. Da nostalgico della Prima Repubblica, il Partito Comunista, la Democrazia Cristiana e altri avevano una classe dirigente che si formava sul territorio grazie a centinaia e centinaia di convegni. Il punto fondamentale è questo, si creava una classe dirigente sul territorio", spiega il giornalista.

Bisignani: "I grandi capi d'azienda non si preoccupano più degli interessi dell'Italia, ma solo del mercato"

"La mancanza della politica ha fatto sì che le grandi aziende come Eni, Enel, Telecom, Finmeccanica e altri non siano più gli arieti, appunto della politica. L'amministratore delegato di queste grandi realtà risponde al mercato, non alla politica. Dunque, la priorità non va agli interessi degli italiani e del nostro Paese. Hanno differenziato in tutte le parti del mondo, ma hanno fatto molto poco in Italia". 

"Ora come ora, le terze e quarte generazioni delle aziende private italiane non hanno voglia di rischiare, è troppo viziata. Ci sono sicuramente dei problemi di formazione".

Bisignani: "Mediaset seguirà le orme della Fiat. E Marina e Pier Silvio Berlusconi in politica..."

"Purtroppo, temo che Mediaset farà la fine di Fiat. Gli eredi la quoteranno all'estero e poi venderanno. Non credo, comunque, che né Marina né Pier Silvio si candideranno in politica. Certamente, Forza Italia cerca un erede per difendere la propria posizione in Parlamento e difendere le proprie aziende". E Bisignani ha le idee chiare anche sul ruolo di Tajani. "Lo vedo molto più forte a Strasburgo, Bruxelles e Madrid. Penso che per Tajani prendere voti in Italia sia abbastanza complicato". 

"Il futuro di Forza Italia", continua, "lo vedo molto complicato", dichiara Bisignani. "La dispora interna", continua, "è ancora molto forte e non vedo nessuno che possa fare come collante. Vedo molti sciacalli attorno al partito e, probabilmente, c'è la possibilità che nasca un'aggregazione al centro".

Bisignani alla Piazza di Affari: "Meloni dovrebbe fare le elezioni anticipate, oppure..."

"Meloni potrebbe giocare una carta impopolare, ma che le permetterebbe di fare 'strike'. La premier dovrebbe, avendo un consenso molto alto, le elezioni anticipate per andare avanti per i prossimi cinque anni", spiega. "In questo modo, se aggiusta un po' il tiro, dovrebbe fare una specie di 'autocombustione'. La nomina della sorella è un atto di debolezza, non di forza". 

Bisignani su Vannacci: "Non avrebbe dovuto fare il libro"

"Se il mio comandante dicesse queste cose, io mi sentirei in qualche modo molto demotivato ad avere un generale di questo tipo. Cose comprensibili, queste, ma che non si possono dire con una divisa addosso. Credo che, da generale, questo libro non lo avrebbe dovuto fare".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bisignanila piazza





in evidenza
Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

Guarda il video

Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.