A- A+
Politica
Caso Cospito, il segretario Delmastro (Fdi) non deve dimettersi
Andrea Delmastro Delle Vedove

Caso Cospito, il segretario Delmastro (Fdi) non deve dimettersi

Comprendo l’amarezza di Silvio Berlusconi e delle figlie, che hanno esternato amarezza, nel giorno in cui l’ex premier è stato assolto nel processo “Ruby ter”, che ha segnato, hanno detto al Corriere Barbara e Marina, “la fine di un massacro e di una lunga persecuzione”. È giusto ricordare anche i calvari, nei tribunali e nelle carceri, di tanti italiani, non ricchi né ben assistiti, come il “Cav” da Coppi e dal compianto Ghedini. 

Intanto il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro (Fratelli d'Italia), sarà sentito oggi dai pm di Roma nell'ambito dell'inchiesta per presunta rivelazione e utilizzazione del segreto d'ufficio, nell'ambito della vicenda legata all'anarchico, Alfredo Cospito, sottoposto al 41 bis e dall'ottobre scorso in sciopero della fame.

Il sottosegretario, infatti, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura capitolina. Non deve dimettersi. Altrimenti, 48 ore dopo l’assoluzione di Berlusconi, le toghe politicizzate pareggerebbero i conti con la politica. Strano che non lo abbia compreso il PD, che “tifa” contro il governante meloniano e ritiene che sia giusto utilizzare l’aiutone dei pm romani per mettere in difficoltà l’esecutivo di centrodestra.

Quanto alla proposta di alcuni deputati forzisti di istituire una commissione parlamentare di inchiesta sull'uso politico della magistratura, per fare chiarezza su 25 anni di inchieste, molte usate come armi nello scontro politico, non so se lei ricordi un’osservazione di Bettino Craxi, caro amico dell’ex Presidente del Milan.

Nel bel Paese, diceva l’allora segretario del Psi, quando si intende rinviare, sine die, la soluzione di un problema, si nomina una commissione d’inchiesta… E sono comprensibili le resistenze di Giorgia Meloni, impegnata a fare di “Fratelli d’Italia”, il primo partito del centrodestra, una “force tranquille”, di mitterrandiana memoria, una forza moderata, i cui esponenti possono polemizzare con qualche magistrato vicino alla sinistra. 

Ma i meloniani non devono contrapporsi a tutto l’ordine giudiziario, la cui maggioranza, come ha ammesso lo stesso Berlusconi, è formata da “magistrati corretti, indipendenti e imparziali”. E l’attuale Guardasigilli, Carlo Nordio, è molto stimato, nella maggioranza e nei settori garantisti dell’opposizione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cospitodelmastrofdi





in evidenza
Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti


in vetrina
Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1

Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1


motori
GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.