A- A+
Politica
DDL Zan, giovani e missione in Libia: Enrico Letta e il momento-chiave del PD

Accettando di subentrare a Nicola Zingaretti alla guida del Pd, Enrico Letta ha scelto di misurarsi con gli stessi problemi che avevano logorato il suo predecessore. In primo luogo c'è la difficile coabitazione nel Governo Draghi con gli avversari di sempre, ma non meno preoccupante è la balcanizzazione correntizia all'interno del partito, che rende complicato definire il suo esatto perimetro ideale e programmatico.

In questo contesto, il Pd viene sovente accusato di aver rinunciato a comunicare la propria idea di società futura per appiattirsi su posizioni governiste. A uno sguardo benevolo si tratta di un eccesso di senso di responsabilità, mentre per i suoi detrattori è mero opportunismo. In ogni caso, si rischia la crisi di identità.

Per questo Letta ha puntato le sue fichès sui temi maggiormente distintivi dell'area progressista: i giovani, con l'apertura del voto per il 18enni al Senato come ideale preambolo del diritto di voti ai 16enni e i diritti civili, con le battaglie per il DDL Zan e per la revisione dei rapporti con la Libia, l'Egitto e più in generale delle zone del mondo dalle quali origina il fenomeno migratorio. Legato a quest'ultimo c'è anche lo Ius Soli, sul quale però non pare tirare aria particolarmente favorevole.

Il voto ai 18enni è già legge, ma un recente sondaggio fa presagire una sorta di autogol nei confronti del centrodestra, più abile nell'intercettare le simpatie dei giovai. Si va profilando in queste ore una sostanziale sconfitta sul rifinanziamento della missione libica, che sta provocando un autentico terremoto nella base del partito, nonché in settori composti da persone che magari non hanno la tessera del Pd, ma che lo vedono come suo naturale interlocutore, ovvero le Ong e le associazioni di volontariato.

Con il DDL Zan rimandato a settembre, in un equilibrio davvero precario per il quale basta qualche assenza per spostare l'ago della bilancia, Letta deve affrontare una pericolosa sovrapposizione con le importanti elezioni amministrative nelle principali città italiane, comprese Roma e Milano, tutte caratterizzate da sfide molto aperte.

L'esito di una campagna elettorale anomala, che si svilupperà principalmente a settembre, sarà certamente determinante per i destini di questa segreteria, affidata a una persona molto diversa per background politico e personale da chi l'ha preceduta, ma molto simile per pazienza e capacità di mediazione. E anche, inevitabilmente, per gli ostacoli che si trova a dover superare.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ddl zangiovani e missione in libiaenrico lettapd
    in evidenza
    Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

    Meteo, offensiva siberiana

    Neve e gelo all'assalto dell'Italia
    Le previsioni sono da brivido

    i più visti
    in vetrina
    Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!

    Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!


    casa, immobiliare
    motori
    Audi rinnova la  partnership con Cortina per valorizzare l’ecosistema montano

    Audi rinnova la  partnership con Cortina per valorizzare l’ecosistema montano


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.