A- A+
Politica
Elezioni a Bergamo, Pezzotta (cdx): "Non è il Bronx: ecco le mie priorità"

Elezioni a Bergamo, Pezzotta (cdx): "Non è il Bronx: ecco le mie priorità"

PAR CONDICIO

Come ovvio e doveroso Affaritaliani.it ha chiesto alla candidata Elena Carnevali un'intervista da oltre una settimana. A oggi, però, non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Peccato, in un Paese democratico il confronto è fondamentale, così come lo è garantire analogo trattamento ai candidati di diverso colore politico. L'auspicio è che da qui alla mezzanotte di venerdì 7 giugno arrivi una risposta dalla candidata di centrosinistra in modo da poter ospitare anche la sua intervista. 

"Spero in un’affermazione della mia lista con dei miei assessori. Bergamo Bronx? Non esageriamo. Sicurezza stradale e quiete pubblica sono priorità”. Così Andrea Pezzotta, candidato sindaco per il centrodestra a Bergamo, commenta ad Affaritaliani.it la chiusura della campagna elettorale che arriverà questa sera. Domenica si voterà: la candidata per il centrosinistra sarà Elena Carnevali. L’avvocato arriva all’incontro in bicicletta (rigorosamente elettrica), evitando l'uso della macchina: "In città è il mezzo migliore”, mettendo già le mani avanti sul problema del traffico cittadino che, con i cantieri in arrivo nel prossimo autunno, diventerà sicuramente un tema di scontro con i partiti che siederanno sui banchi dell’opposizione. 

Se dovessimo oggi fare un pronostico sul prossimo sindaco di Bergamo dopo 10 anni di giunta Gori, non possiamo che mettere una tripla 1x2. La sensazione è che se la partita dovesse chiudersi al primo turno, potrebbe prevalere leggermente l’avvocato moderato liberale Andrea Pezzotta, mentre in caso di ballottaggio, i risultati potrebbero nettamente ribaltarsi a vantaggio della candidata di csx ed ex parlamentare Elena Carnevali, più navigata nel mare mosso della politica locale. Messe così le cose, non è da escludere un’appendice di 15 giorni di campagna elettorale, non molto gradita dai due candidati, arrivati al traguardo piuttosto stremati.

Avvocato, come arriva alla fine di questa sua prima campagna elettorale? 
“Arrivo con un atteggiamento positivo, l’ho iniziata con timore, ma è stata molto stimolante. La gente vuole raccontare la sua realtà, dalle persone più semplici a quelle con maggiori responsabilità. Ti consente di avere una visione molto profonda della città”

Rifarebbe tutto o c’è qualcosa che vorrebbe correggere o che non ha fatto?
“Nel complesso ho raggiunto tutti gli obiettivi che mi ero prefissato. Forse è mancato qualche appuntamento con alcune persone che volevo incontrare, ma non abbiamo lasciato niente di importante”

Lei è stato a Roma al comizio di chiusura di Fd’I, ma a Bergamo sembra serpeggiare malumori proprio nel partito meloniano nei suoi confronti.
“Si…. Dicono che non ho partecipato attivamente a certe iniziative, ma Fd’I è esplosa in termini di consensi molto rapidamente senza che la struttura del partito sia cresciuta in maniera corrispondente. A parte questo, si sono impegnati tutti al massimo, a partire dai fratelli Tremaglia” 

La sensazione è che ci sia stata da parte sua una forte spinta per la sua lista, mentre con gli altri partiti c’è stata una presenza più fredda.
“Questo si, perchè la mia lista l’ho scelta io, mentre i partiti di coalizione hanno scelto i loro candidati. Io ho inserito persone di qualità che mi potessero supportare durante la campagna elettorale, ma soprattutto in caso di vittoria della mia lista civica. Mi auguro un’affermazione importante della mia lista. Poi si dovranno valutare i rapporti di forza dei vari partiti anche per la scelta dei nuovi assessori”

Da fuori sembra che la macchina elettorale di Elena Carnevali fosse più compatta e coesa, mentre qualche mal di pancia si è sentito fin dalla sua candidatura. Crede che sia mancato un supporto da parte dei tre partiti che l’hanno sostenuto?
“Nella coalizione di csx si va da una sinistra estrema ad un centro con Azione che sono molto vicino a FI e all’area moderata. Vedo meno compattezza nella loro coalizione"

Saffiotti di FI sarà vicesindaco, l’ha scelto lei o gli è stato imposto?
“Nessuno mi ha imposto nulla sennò non avrei accettato l’incarico. Abbiamo scelto Carlo Saffiotti come figura moderata che potesse attirare il voto centrista. Mi è stato detto che per unire FI all’interno, era opportuno dare da subito un’indicazione di moderazione per una possibile giunta di cdx. E’ stata una scelta condivisa da tutti i partiti”

I sondaggi parlano di un testa a testa, pensa che possa esserci l’effetto Gori con l'elettorato centrista di Azione e Italia Viva che voteranno per lei?
“Sono moderato da sempre, lo sanno tutti. Dall’altra parte invece c’è il desiderio di presentarsi come moderati, però mettono dentro di tutto, dalla sinistra estrema al centro. Credo di aver dato un’immagine di serietà e credibilità”

In caso di ballottaggio però partirebbe sfavorito con il voto del m5s che si sposterebbe su Carnevali, come pensa di ribaltare il pronostico?
“Ho scarsissima competenza politica, non faccio questi calcoli. Ho accettato la candidatura che già mi è costata. Ci ho messo tutta la forza possibile per arrivare alla vittoria”

Veniamo ai temi che stanno più a cuore ai cittadini: viabilità. Come pensa di risolvere il problema del traffico nell’arco di poco tempo con i numerosi cantieri in arrivo?
“E’ in arrivo la tempesta perfetta. Ci saranno sicuramente disagi di viabilità nell’immediato, ma poi la miglioreranno in previsione futura. Sarà un periodo difficile, però contiamo di gestire i cantieri contenendo al limite i disagi come è stato fatto al rondò dell’autostrada”

Questione aeroporto, cosa pensa di fare nel concreto per diminuire il rumore su Colognola e Campagnola?
“Dovremo subito affrontare con SACBO un importante studio epidemiologico sulle malattie legate all’inquinamento. C’è poi il tema dei rumori con dei parametri da seguire che dovrebbero entrare in vigore tra un po’ di anni. Cercheremo di dare le risposte migliori, pur sapendo che non si potranno eliminare del tutto i disagi,  ma l'aeroporto è una struttura importante e fondamentale per la nostra economia e per il nostro territorio"

Sicurezza: non le sembra che Lega e Fd’I stiano esagerando nel dipingere Bergamo come il Bronx? Qui accadono dei piccoli reati fisiologici che succedono dappertutto
“Non sono assolutamente d’accordo con il termine “Bergamo Bronx”. Non bisogna esagerare con queste forzature, ma nemmeno nel senso opposto facendo passare come situazioni di normalità alcuni episodi. Non siamo noi a voler cavalcare il tema sicurezza, ma lo chiedono i cittadini che incontro ogni giorno”

Si, ma tutte le stazioni del mondo non sono posti sicuri
“Si, ma quando so che ogni mattina arrivano alla stazione centinaia di ragazzi e questi devono affrontare il sottopasso della stazione con un senso di grossa preoccupazione di essere rapinati, questo è inammissibile. Sono episodi molto frequenti, tant’è che il preside di una scuola ha invitato i ragazzi a muoversi in gruppo per potersi difendere da questi malviventi”

D’accordo, ma vivendo la città, vedo una presenza massiccia di forze dell’ordine in stazione, sia con presidi fissi che con agenti a piedi, fanno già tutto quello che lei e la candidata Carnevali proponete, come pensa davvero di migliorare la situazione? Se metto un agente nel punto A, delinquono nel punto B, non crede?
“No, su questo non sono d’accordo. Nel concreto la presenza fissa di una macchina della Polizia, Carabinieri o GdF effettivamente c’è, ma abbiamo saputo che non possono abbandonarla. Non possono allontanarsi dalla pattuglia in servizio. Questo rende scarsamente efficace la loro presenza. Molto più efficace invece sarebbe la presenza di agenti a piedi”

Scusi eh, la Polizia Locale già lo fa, lo vedo tutti i giorni
“La Polizia Locale alla stazione non lo fa”

Come no? Scusi ci sono pure foto che li ritraggono in giro a piedi
“Si, li avrà visti in questi giorni perchè siamo sotto le elezioni. Ci sono state numerose retate a altre attività di controllo per far vedere che c’era una risposta. Come dico scherzando, servirebbero le elezioni ogni 6 mesi per far andar bene le cose”

Ma la zona è vasta, è difficile da controllare
“Servono appunto agenti a piedi che controllano capillarmente il territorio perchè la presenza di una macchina può servire in quel punto, ma a 50mt di distanza possono commettere un reato come dice lei. Ma le dirò di più”

Prego
“Affrontare certe persone che si trovano in quella zona, ubriache fin dalle prime ore del mattino, non è agevole. Servono agenti con una certa preparazione e dotati di teaser e bastone distanziatore. A Bergamo il csx sul teaser è contrario, sul bastone hanno fatto una domanda di un modello particolare che usato impropriamente può provocare gravi lesioni. Sta di fatto che la Polizia Locale non ha nulla per difendersi efficacemente”

Tutto condivisibile, ma francamente a Bergamo non ci sono problemi di bande criminali che si spartiscono le piazze di spaccio, sparatorie a cielo aperto, stupri etc etc.
“Ha ragione, ma non voglio che si arrivi a questo punto. Non siamo certamente a questi livelli di criminalità che ha descritto”

Perfetto, allora da domani come pensa di eliminare anche una semplice rissa da strada?
“Quando esco dall’autostrada, vedo il bar in via Bonomelli angolo con via Paglia in cui stazionano un sacco di gente ad ogni ora del giorno, con zainetti che non credo contengano libri e non li controlla nessuno. Bisogna controllarli sistematicamente, chiedere i documenti e cosa stanno facendo" Cose che già fanno, magari non tutti i giorni "E' chiaro che non spariscono, ma almeno si sentono meno liberi di fare ciò che fanno e magari si spostano altrove o in altre città. Non bisogna tollerare i piccoli reati. Un questore qualche anno fa mi disse:”Lei dovrebbe vedere cosa succede a Santa Maria Capua Vetere che si sparano per strada”. Io gli ho risposto che vent’anni fa certi episodi non succedevano”

Nessuno li tollera, ci mancherebbe, ma sono quasi impossibili da eliminare e purtroppo la situazione è cambiata con un’immigrazione selvaggia clandestina avvenuta anni fa e certi reati si sono moltiplicati
“Sono d’accordo con lei che non si potranno eliminare del tutto, ma porre in essere un’attività di contrasto più decisa, questo si. Le faccio un altro esempio”

Mi dica
“Il daspo urbano. Strumento efficace se viene applicato, però in Questura mi hanno sempre risposto che è una misura progressiva, bisogna cominciare a dare il primo, poi il secondo se non viene rispettato, fino all’effettiva espulsione dal territorio”

Dia un voto all’operato della Polizia Locale
“Non posso giudicare gli agenti che sono professionisti e fanno il loro mestiere, ma giudico la politica con la quale sono stati impiegati. Loro prendono ordini dall’assessore e dalla giunta. Io li vedo molto dedicati alle contravvenzioni stradali, a multare i dehors o sui controlli dei bar se sforano di un minuto l’orario prestabilito. Credo si possano impiegare meglio. Poi chiaro che non ho la pretesa di risolvere il problema criminalità, sarei un folle. La competenza non è solo locale, ma anche della Questura e Carabinieri”

La comandante della Polizia Locale Gabriella Messina, ha fatto oggettivamente un ottimo lavoro, verrà riconfermata?
“Non la conosco, non ci ho ancora parlato, non ci stiamo ponendo ora il problema dei dirigenti”

Chi sarà l’assessore alla sicurezza, Sergio De Santis della Finanza?
“Ci sarà e lo decideremo in base a come andranno le elezioni. Sono espressione di una coalizione”

Lei però ha già in mente una squadra di assessori, saranno quasi tutti della sua lista suppongo?
“Certo che ho già una lista, me la tengo per me (sorride..). Diciamo che i più importanti che potrò nominare io, li ho già in mente”

Della sua lista
“(sorride…), sicuramente ce li ho in mente” 

Problema quiete pubblica. Iniziano i mesi delle feste e concerti all’aperto. Come pensa di conciliare la movida con il diritto al riposo notturno?
“E’ un bel problema. Ci siamo ritrovati con le mani legati per degli eventi con dei contratti triennale in Piazzale degli Alpini ed è una cosa sbagliatissima. E’ un vincolo che ha stipulato questa giunta prima di fine mandato ed è stato un grosso errore. So che la quiete pubblica è fondamentale, vedremo come poter gestire al meglio questa situazione, magari riducendo gli eventi al minimo in certe aree”

C’è un altro tema poco discusso: la sicurezza stradale. Le cronache sono piene di incidenti spesso mortali e le cause sono sempre la velocità, distrazione, alcol. Pensate di fare qualcosa per migliorare la situazione in collaborazione con la Polizia Locale? 
“Intollerabile. Ma più dell’ubriaco che bene o male mantiene una certa lucidità, chi guida con il telefonino è pericoloso. Non guardano la strada e basta un niente per investire qualcuno. La misura più efficace è il controllo della Polizia Locale con pattuglie in borghese”

Che già ci sono, ma hanno difficoltà a beccare chi tiene il telefonino nascosto sotto la linea del cruscotto o a muoversi nel traffico.
“Vero, ci sono già. Anche con la macchina però li individui subito perchè a meno che si tratti di neo patentati o anziani, li vedi andare a zig zag, frenare in continuazione per nulla e appena li sorpassi hanno il telefonino appoggiato sul volante che messaggiano. E’ una piaga che va contrastata assolutamente”

Bene, me la segno. Potrebbe introdurre gli agenti in borghese motorizzati per controllare meglio chi ancora gira con il telefonino ben nascosto? 
“Si, assolutamente e la proposta degli agenti in borghese motorizzati, magari con una Vespa per muoversi agevolmente nel traffico, è un’ottima idea. Li vedo particolarmente al mattino attaccati al telefono, anche se ormai si messaggiano ad ogni ora. E’ un dramma che va assolutamente combattuto. Non so cosa dirle, è una follia”

Lei si è arrabbiato per l’accusa del sindaco part time che le ha rivolto Elena Carnevali
“Si, perchè non è vero. Dedicherò tutto il tempo necessario per fare il sindaco. Magari rinunciando a qualche serata a teatro per riunirmi con i vari assessori come faceva l’ex sindaco Roberto Bruni che faceva il mio stesso lavoro ed era di csx. Finora ho gestito l’attività della campagna elettorale senza lasciare la mia attività di avvocato”

Problema parcheggi: convinto di poterli fare gratuiti nel weekend?
“Gratuiti no, ma cercheremo di valorizzare il commercio in città con convenzioni sia per chi effettua acquisti che i commercianti

Mi dica almeno tre cose a cui metterà concretamente mano nei suoi primi mesi da sindaco, qualcosa di visibile ai cittadini.
“Prima cosa di cui non si accorgerà nessuno sarà portare a cena i dirigenti per conoscerli e motivarli come un’azienda. Poi le vasche di laminazioni di Astino per evitare altre alluvioni e disastri che sono successi poche settimane fa e dove l’attuale giunta ha commesso degli errori di valutazione. Poi come ho detto prima la valorizzazione del commercio e mettere mano alla sicurezza pubblica”

Concludendo, come valuta la campagna elettorale della sua competitor Elena Carnevali? C’è stato il rispetto che aveva auspicato?
“Si, al di là della questione sul sindaco part time, direi che è stata una campagna elettorale composta

Sincero, svesta i panni di candidato: se la sconfitta non è contemplata, vince al primo turno o al ballottaggio?
“Non lo so davvero, spero di non andare al ballottaggio perchè in effetti un po’ di stanchezza c’è”






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


in vetrina
Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn

Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.