A- A+
Politica
Feltri attacca il ministro Tajani: "Perchè hai accettato l'inciucio in Ue?"
Feltri e Tajani

Feltri attacca il ministro Tajani: "Perchè hai accettato l'inciucio in Ue?"

Un editoriale di fuoco quello oggi firmato da Vittorio Feltri contro Antonio Tajani. Secondo il direttore editoriale del Giornale, infatti, il vicepremier non sarebbe altro che una costola della sinistra in Europa. Dove invece dovrebbe seguire Giorgia Meloni e non fare il gioco di Elly Schlein e della sinistra “gongolanti”.

LEGGI ANCHE: Von der Leyen rischia il flop in Aula. Meloni lo sa. Inside

Ecco cosa ha scritto: "La Meloni, nella seduta di giovedì del consiglio europeo dei 27, si è ribellata e si è astenuta sulla von der Leyen («per rispetto di Forza Italia», che del Ppe è la colonna nostrana), e bocciando gli altri. Ho intuito un po' di malizia in quell'asserito rispetto per l'alleato di governo. Un modo per far sapere: caro Tajani, è impossibile che tu non fossi al corrente di quella riunione che ha tagliato fuori non tanto me, quanto l'Italia - sei o non sei un capo del Ppe?: perché hai accettato l'inciucio?

Ha ragione Meloni a essere furiosa? Ovvio. Se la sovranità appartiene ai popoli europei, non si capisce perché preordinare l'umiliazione dell'Italia, fondatrice dell'Ue, terza per abitanti e Pil, nonché governata dall'unica maggioranza uscita premiata dalle recenti consultazioni. Le elezioni dovrebbero essere fatte apposta per dare il biglietto di ingresso nella stanza dei nostri bottoni a chi ha vinto e negarlo a chi è stato sconfitto. Invece tornano a comandare come nulla fosse coloro che sono stati bitumati dal proprio popolo, cioè i leader di Germania e Francia, Scholz e Macron. Non solo loro: anche i raggruppamenti continentali di cui fanno parte, socialisti e liberali, sono usciti ischeletriti dalle urne. Invece sono cresciuti proprio come in Italia il Partito popolare europeo, i Conservatori e Riformisti (FdI-Meloni) e la destra identitaria di Le Pen di cui è parte la Lega.

Alt. Un attimo. Una domandina. Il Partito popolare europeo è il perno del centrosinistra in Europa, il suo dominus, e in questa veste imperiale lascia fuori dall'uscio, nell'anticamera dei valletti, il governo di centrodestra italiano a cui fornisce uno dei suoi capi nel ruolo di vicepremier? Abbiamo capito bene? Tradotto: Forza Italia a sinistra a Bruxelles e a destra in Italia, magari per convincere gli altri del governo ad allinearsi ai capataz alleati con la Schlein?

Leggo che Tajani ha confermato che Forza Italia in Parlamento Ue voterà compattamente von der Leyen. Con questo ragionamento: «È emersa una netta distinzione tra i rapporti tra partiti e i rapporti tra Paesi. Quindi non c'è stato nessun isolamento dell'Italia, se vogliamo fare un'analisi oggettiva». Preferisco la mia analisi soggettiva. Il bene dell'Italia è superiore alle esigenze di partito, se questo partito indebolisce il governo di cui è parte essenziale. Antonio caro, non vedi come gongolano Elly Schlein e la sinistra tutta? Non mi meraviglia. C'è una coerenza da avvoltoio in questo auspicare il male dell'Italia per far del male agli avversari domestici. È la logica comunista del tanto peggio tanto meglio. Berlusconi ci ha mostrato altro.

Invito Tajani a un atto salvifico di pirateria, a un'incursione gloriosa che in modo politicamente scorretto definirei da X Mas. Mi rendo conto che un balzo felino spezzerebbe l'incantesimo della silenziosa carriera europea dell'attuale capo di Forza Italia. Egli è giunto ai vertici del Parlamento di Strasburgo accomodato nella bambagia del Ppe acconciatagli da Berlusconi. Silvio se fosse vivo ruggirebbe, ma visto che il simbolo è ancora intestato a lui, lo sta facendo anche da morto. Faccia un giro al mausoleo di Arcore, e Tajani avvertirebbe un fremito attraversare l'urna delle sue ceneri. Berlusconi riuscì a far includere Forza Italia nel Partito popolare europeo, a dispetto dei democristiani di sinistra, ma non certo per fare da cavalier servente allo strapotere germanico. Sfidi lei e il presidente del Ppe anche lui tedesco, Manfred Weber. Ponga un ultimatum, caro Antonio. Fa ancora in tempo. O aprite alla premier nostra alleata in modo chiaro e ufficiale o scegliamo la tutela dell'Italia anche al prezzo di negare il voto a Ursula.

Secondo me, Ursula cede. Qualsiasi cosa accada, però, caro vicepremier, i tuoi elettori ti porterebbero in giro sulla sedia gestatoria. Un salamelecco te lo dedicherei anch'io, a costo di strambarmi la schiena”.

Dura reazione del partito azzurro: “Superficiale e distratto, vittima di senile confusione”. “L'articolo odierno di Vittorio Feltri non entrerà nella top ten dei suoi scritti. Evidentemente per superficialità o per distrazione ha scritto cose che prescindono dalla realtà. Il ruolo del Ppe e in particolare quello di Tajani sono preziosi per il Governo italiano e direi in particolare per Giorgia Meloni, immagino in questi giorni grata per quello che Antonio Tajani e Forza Italia stanno facendo nel Ppe e nel contesto europeo. Le cose sono un po' più complicate da come le descrive Feltri, che evidentemente ha scritto, in un momento di euforia serale, il suo articolo". Lo afferma il capogruppo di Forza Italia al Senato, Maurizio Gasparri.

"In Europa -ricorda- trattano non soltanto gli Stati, ma anche le formazioni politiche. Il Ppe è il perno del centrodestra. E Forza Italia è preziosa per l'Italia e nell'ambito del Ppe. E Tajani ha posto con forza, nell’ambito del Ppe e in tutti i contesti in cui gode di un grande prestigio (essendo stato commissario europeo, vicepresidente della Commissione europea, vicepresidente e poi presidente del Parlamento europeo, tuttora vicepresidente del Ppe), il tema del rispetto dell'Italia, per la quale chiediamo il vicepresidente della Commissione e una delega di grande peso per Raffaele Fitto che, peraltro, fa parte del Governo Meroni e del partito guidato da Giorgia Meloni. La Meloni tutte queste cose le sa ed è ed sicuramente grata ad Antonio Tajani per quello che sta facendo".

"Forse si è omesso di informare Vittorio Feltri di tutto quello che sta accadendo. Il che gli avrebbe consentito di scrivere un articolo, non basato sulle sue pulsioni, ma sulla realtà dei fatti. Meno male che Forza Italia c'è. Meno male che il Ppe c'è. Meno male che Tajani c'è. Che Feltri non lo sappia conta poco. Invece lo sanno bene Giorgia Meloni e tutti gli alleati del centrodestra italiano. Noi -conclude Gasparri- ci chiamiamo Forza Italia e con sobrietà, sotto ogni profilo, sappiamo come si fa a difendere l’Italia. E siccome io e Tajani siamo anche giornalisti casomai scriveremo un articolo più informato e più lucido di quello del peraltro stimatissimo Vittorio Feltri. Che ha sbagliato un articolo. Fa sempre in tempo a chiedere scusa per tutte le fesserie che ha costretto un'importante giornale a pubblicare”.






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti

Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti


motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.