A- A+
Politica

Mancini, nel fatal ‘93, fu plebiscitato Sindaco di Cosenza, rieletto nel 1997 e morì, da primo cittadino, l’8 aprile del 2002


Nell’afoso luglio romano del 1976, in un albergone sulla via Aurelia, il Midas Palace, si riunì il comitato centrale del Psi, dopo che alle elezioni politiche il partito, guidato da De Martino, aveva fatto registrare il 9,6%, il punto più basso della sua storia.

Giacomo Mancini (oggi ricorre il ventesimo anniversario della scomparsa), ai compagni e amici, che spingevano per il suo ritorno al vertice, 4 anni dopo l’amara sostituzione, a Genova (resa possibile, secondo l’allora senatore, Paolo Guzzanti, anche dal sostegno degli spioni sovietici), rispose picche, spiegando che, per rilanciarsi, il partito avrebbe dovuto rinnovarsi. Nella linea politica, ma anche nel gruppo dirigente. 

Molti osservatori sono ancora convinti che l’ex segretario sostenne la candidatura di Craxi perché certo di poterlo influenzare. “Qualche imbecille-rispose al giornalista Matteo Cosenza, che lo intervistò per il libro Mancini, un socialista inquieto-ha fatto circolare questa versione dei fatti. Cose così, in vita mia, non le ho concepite, nè fatte mai”. E aggiunse di aver fatto il nome di Craxi, alla fine della riunione della direzione, convocata per ratificare le dimissioni di De Martino. Avvicinandosi a Bettino, l’ex ministro calabrese gli disse : “Questo può essere il tuo momento”. 

E il direttore dell’“Avanti!”, Franco Gerardi, allora manciniano, ricordò così la decisiva riunione della corrente al Midas: ”Giacomo sapeva di avere i voti decisivi per l’elezione del nuovo leader. Ma, non volendo parlare contro De Martino, aprì la riunione, dando la parola a me, conoscendo la mia simpatia per Craxi. Io-continuò Gerardi-dissi : voi tutti sapete che considero De Martino il peggior segretario, che il Psi abbia mai avuto. Enrico Manca ? Sarebbe un De Martino peggiorato per i suoi difetti. Giolitti è rimasto imbalsamato nel ghiaccio, che l’ha avvolto, quando ha annunciato il suo addio al PCI. Non resta che sperare in Craxi. Mancini non aprì bocca e la riunione finì lì”. Ma i rapporti tra Bettino e Giacomo, due leader con caratteri forti, risoluti e introversi (disegnati da Giorgio Forattini nella famosa vignetta in cui un Mancini ostetrico estrae un piccolo Bettino dall’utero di Nenni)presto si guastarono. Il segretario lavorò per emarginare il suo sponsor, ancora apprezzato nel Psi e fuori, arrivando a togliergli, alle elezioni del 1983, il numero 1 della lista del Psi alla Camera, in Calabria.  Ma Giacomo distanziò di migliaia di voti il capolista, il ministro craxiano Casalinuovo.

Fu uno dei tanti errori del segretario che, da giovane deputato timido, cordiale, spesso ospite a pranzo a casa di Mancini, si trasformò in un despota prepotente (qualcuno lo definì ”Bokassa”), circondato solo da leaderini, usi ad obbedir, tacendo sulle tante magagne, nella direzione centrale, sui difetti e sulle prepotenze dei ras locali. Tutto ciò, insieme alle inchieste giudiziarie, provocarono, nel drammatico 1993, la fine di Craxi, che morì ad Hammamet nel 2000, e del centenario Psi….

Invece Mancini, nel fatal ‘93, fu plebiscitato Sindaco di Cosenza, rieletto nel 1997 e morì, da primo cittadino, l’8 aprile del 2002 : l’incarico, che il suo amico, Francesco Cossiga, definì “il più utile e onorevole di tutti gli uffici importanti, che Giacomo, un genio della concretezza, ricoprì, in modo esemplare”. 

 

Leggi anche: 

" Fisco, Ruffini smonta la Lega: il Carroccio in cerca di un'exit strategy

"Terza guerra mondiale ormai inevitabile". Ministro tedesco esce allo scoperto

Atlantia e carte bollate con Rcs: così Blackstone torna al centro del ciclone

Elezioni Francia, ora Marine Le Pen può vincere. Perché Macron rischia il ko

Robledo ad Affari: "Viola? Avevamo bisogno del Papa straniero a Milano"

Bisignani: "Una Verità davvero fantasiosa... Colombia? Non ne ho idea"

Fisco, rissa clamorosa in commissione Finanze. GUARDA IL VIDEO

Enel X: con Sicomoro per progetti di efficienza energetica

Protocollo Inail-FS, Ferraris: “Più cultura della sicurezza”

Rino Petino, così la Puglia parla di Prossimità 4.0 e di logistica del futuro

Commenti
    Tags:
    giacomo mancini





    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    
    in vetrina
    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.