A- A+
Esteri
"Terza guerra mondiale ormai inevitabile". Ministro tedesco esce allo scoperto

Armi tedesche all'Ucraina, "forniamo più di quanto sia pubblicamente noto e talvolta in modo diverso da quanto pubblicamente noto"


Dopo i terribili fatti di Bucha, in Ucraina, l'indignazione pubblica e politica è enorme. Soprattutto in Germania, Paese che ha avuto sempre forti legami commerciali dopo la caduta del Muro di Berlino e dell'Urss. Ma anche se l'emozione per le immagini viste in tv porta a reazioni drastiche, vista la tragica portata, qualsiasi informazione richiede cautela e moderazione. Perché in particolare nel caso dei conflitti armati, le conseguenze possono essere così grandi che molte persone non possono immaginarle.

Anche Karl Lauterbach ha espresso tale tesi quando martedì sera è stato ospite di Markus Lanz. Nel discorso al secondo canale tedesco ZDF, il ministro federale della Salute (Spd) ha parlato del timore che gli eventi in Ucraina finiscano nel peggiore dei casi in una guerra mondiale. Questo scenario è considerato inevitabile al più tardi quando la NATO verrà coinvolta direttamente nella guerra tra Russia e Ucraina. L'alleanza difensiva è già massicciamente coinvolta e fornisce armi al paese cuscinetto tra l'Occidente e la Russia.

Spiega Lauterbach: Se si parla di "genocidio" nel caso dei civili morti a Bucha, sorge la domanda se la NATO debba poi intervenire. "Sarei molto attento", ha detto il politico 59enne. Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky ha usato questo termine, mentre la Russia nega la responsabilità e vede i nazionalisti ucraini come gli autori.

Come spiega il politico socialdemocratico, non è escluso che si debba reagire ai crimini. Tuttavia, Lauterbach mette in guardia contro discussioni frivole basate su probabilità che ignorano il fatto che il massacro non sia stato ancora dimostrato. Se la NATO dovesse intervenire, "allora bisogna sapere che questa potrebbe essere la terza guerra mondiale. Non si può giocare".

Lauterbach respinge poi le accuse secondo cui il governo federale tedesco non avrebbe inviato armi in Ucraina per settimane: "Tutto ciò rasenta la mancanza di rispetto". Non tutte queste informazioni sono disponibili al pubblico, afferma il politico: "Forniamo più di quanto sia pubblicamente noto e talvolta in modo diverso da quanto pubblicamente noto". È quindi importante non mettere a disposizione tutte le informazioni allo zar Putin "su un piatto d'argento".

Leggi anche: 

" Pil 2022 al 3,1%. Su Affaritaliani.it tutto il DEF del governo Draghi

Guerra, il soldato Letta filo-America non convince gli italiani

Vendita di armi esenti da Iva, M5s: "Interrogazione a Mef e Difesa"

Ius scholae legge entro l'estate. Cittadinanza prima dei 18 anni. E' giusto?

Perchè Netflix da inizio anno ha perso oltre il 35% del suo valore? I 4 motivi

Mattia Santori, dalle Sardine alla difesa delle oche: il web si scatena. VIDEO

Eni, Calvosa: "Siamo sempre proiettati al futuro"

JTI Italia, presentato il primo corso sulla transizione ecologica

Milano, inaugurato il primo negozio Primark in via Torino

Commenti
    Tags:
    conflitto russia nato europaguerra mondiale





    in evidenza
    Atleta iraniano di MMA prende a calci una ragazza che non indossa il velo

    Foto e video

    Atleta iraniano di MMA prende a calci una ragazza che non indossa il velo

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.