A- A+
Economia
Perchè Netflix da inizio anno ha perso oltre il 35% del suo valore? I 4 motivi
Con "Squid Game", Netflix ha riscosso un enorme successo, ma ora però ha vari problemi da risolvere (IPA)

Quattro motivi per cui Netflix è in netto calo


C’è un dato incontrovertibile che segna la necessità per Netflix di trovare nuove strade per migliorare il proprio business. Mentre scriviamo, infatti, l’azienda creata da Reed Hastings ha perso dall’inizio di quest’anno quasi il 38% della sua capitalizzazione di Borsa, passando da poco più di 600 dollari per azione a circa 375. La domanda è semplice: perché?

E' finito l'effetto della pandemia di Covid-19

Prima di tutto, perché – per fortuna – il mondo non è più chiuso in casa costretto a cucinare pizze con l’apposito strumento e a guardare serie televisive. Il tempo libero, vera chimera dell’evo moderno, è dunque tornato costellato di aperitivi, partite a tennis, corse rigeneranti. Tutte attività che ovviamente erodono il tempo a disposizione da passare sul divano.

Per provare a ovviare a questo problema, Netflix ha anche annunciato che a breve lancerà film “brevi” per chi ha poco tempo a disposizione. Il che potrebbe essere un’idea geniale per esempio per il commuting: invece che leggere un libro, qualcuno potrebbe scegliere di vedere un contenuto in streaming. Ma qui c’è un agguerrito concorrente: i podcast, che stanno prendendo piede e che tengono libere le mani, permettendo alle persone di attaccarsi ai sostegni sui mezzi pubblici intanto che ci si reca al lavoro.

Una concorrenza sempre più agguerrita

Secondo problema: il numero dei competitor è aumentato e, soprattutto, è migliorata l’offerta dei competitor stessi. Amazon Prime, Disney +, Apple Tv, Hulu, Chili, Sky: sono solo alcuni dei nomi dei canali di streaming, che distribuiscono prodotti di grande qualità complici anche accordi commerciali in esclusiva.

Disney, ad esempio, ha rilevato l’intero universo Marvel e la saga di Star Wars, diventando sostanzialmente monopolista nel genere fantasy. Apple Tv si è accaparrata serie interessanti come “Get Back” girata da Peter Jackson sulla storia dei Beatles. Amazon Prime sta investendo centinaia di milioni per girare un’intera stagione dedicata al signore degli anelli e, dopo aver comprato Metro Goldwyn Meyer ha ora un catalogo di film “classici” a disposizione. Senza dimenticare che ha rilevato anche i diritti di ritrasmissione della Champions League, arricchendo ulteriormente l’offerta, inclusa con il pacchetto Prime.

Un'offerta troppo ampia diventa confusiva

Terzo problema: la sovrabbondanza di scelta. Se si apre la app di Netflix, se non si hanno le idee chiare, si rischia seriamente di perdersi in un turbinio di film, serie tv, documentari. Prodotti di altissimo livello – per carità – che però rischiano di confondere l’utente che si ritrova di fronte al paradosso dell’asino di Buridano, quello che, non riuscendo a scegliere da due cumuli di fieno perfettamente uguali, finiva col morire di fame!

Netflix è diventata una commodity

Quarto tema: Netflix è diventata una commodity, un po’ come Facebook. E generare valore aggiunto da una commodity è un po’ più complesso che farlo da un prodotto elitario. Tant’è che, come successo nel food delivery, l’azienda di Hastings sta iniziando a interrogarsi su come differenziare il business. Negli Usa è partito un progetto pilota per un e-commerce collegato ad alcune serie anime della piattaforma e si parla

anche di un social network su cui commentare serie e film e accordi perfino con il Louvre di Parigi. L’ultima comunicazione agli analisti sul tema abbonati, datata gennaio di quest’anno, ha deluso gli addetti ai lavori: i nuovi abbonati sono stati “solo” 8,28 milioni nel mondo, contro gli 8,39 delle previsioni, mentre il fatturato del quarto trimestre è stato di 7,71 miliardi di dollari, in linea con le attese.

In Italia sono circa 4 milioni gli abbonati, ma ora c’è un ulteriore tema che si profila all’orizzonte: in altri Paesi gli abbonamenti condivisi hanno subito un rincaro. E se dovesse succedere anche da noi? Quanti manterrebbero la loro quota e quanti invece sarebbero pronti a disdire? Da non sottovalutare mai l’effetto “pigrizia”, per cui si teme sempre che vi siano troppi problemi nel cancellare una sottoscrizione e quindi si preferisce mantenerla. Ma i nuovi abbonati quanti sarebbero?

 

 

 

 

 


 

Leggi anche: 

" Centrodestra, premier chi prende più voti? "Vedremo...". Tajani gela FdI

Generali, Pellicioli contro Caltagirone: il suo piano è irrealizzabile

Cacciari: "Se continuiamo così, scoppia la guerra in Europa"

Pyongyang pronta a eliminare Seul con armi nucleari. Parola di Kim Yo jong

Madonna irriconoscibile su TikTok. Emancipata o vittima? Fan divisi. FOTO

Ucraina, matrimonio nella metropolitana di Kharkiv, le foto tra le vie deserte. VIDEO

Generali Italia e Confindustria: partnership per la cybersecurity

Autostrade, primato a Bologna per innovazione e sostenibilità

SEA e DHL Express: partito il volo con aiuti alimentari per l’Ucraina

Commenti
    Tags:
    amazon prime videocasa di cartadisneynetflixsquid game




    
    in evidenza
    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    Nostalgia Masolin

    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport


    motori
    Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

    Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.