A- A+
Spettacoli
Netflix: “Una semplice domanda” di Alessandro Cattelan... ma la risposta è no
Alessandro Cattelan si è presentato così all'edizione ungherese di "X Factor", come concorrente

Un cast stellare, messo in ombra dal protagonista

 

Nelle sei puntate della docu-fiction “Una semplice domanda”, disponibile su Netflix, Alessandro Cattelan si chiede insistentemente cosa sia la felicità. Più prosaicamente, per chi fa televisione è certamente una valida garanzia di felicità la possibilità di contare su una superproduzione degna di miglior causa e soprattutto su guest star come Paolo Sorrentino, Elio, Roberto Baggio che rompe il suo riserbo e ti apre le porta della sua villa di Vicenza, Gianluca Vialli che ti parla del rapporto con la morte nel bel mezzo della sua coraggiosa battaglia contro il cancro e Mo Gawdat, che parla della sua scelta di lasciare una posizione apicale a Google dopo aver perso un figlio. Insomma, con una sfilata di personaggi così interessanti, sarebbe bastato mettersi di lato e ascoltarli, per poi magari intervallare i discorsi profondi con qualche sketch in compagnia di Geppi Cucciari e Francesco Mandelli, altre notevoli frecce all'arco della produzione. 

Invece no: in un curioso intreccio tra il plot del programma e la realtà, Cattelan continua a volere sempre di più, fino a coprire il Duomo di Milano con uno striscione nel tentativo di coinvolgere nel programma persino il mitico Banksy. Il quale, comprensibilmente, si guarda bene dal rispondere. Dal pub sotto casa - dove chiede consiglio a uno psicoterapeuta - arriva fino a Tenerife, passa per la via Francigena e si spinge poi anche a Formentera, dove va a incontrare un altro soggetto decisamente interessante come Roberto Giovalli, che a soli 40 anni decise di lasciare il suo ruolo di top-manager delle tv di Berlusconi e da venti dichiara orgogliosamente di “non fare un bel niente”. Cattelan di anni ne ha 42 e ripete più volte che sta lavorando per potersi permettere di smettere, al che' giustamente Giovalli gli risponde che gli sembra molto lontano da una scelta del genere, menzionando l'assuefazione alla fama. 

Un'assuefazione che spinge Cattelan a recitare scene della sua infanzia, non si capisce bene perché, con il premio Oscar Sorrentino che si presta a fargli la regia... e in fondo la cosa strana è proprio che lui ci stia, anche se a tratti pare che la sua paciosità sia sul punto di esplodere. Un'assuefazione che lo porta a scegliere un espediente narrativo clamorosamente autoreferenziale: benché la domanda sulla felicità accompagni l'umanità dalla notte dei tempi, Cattelan se la fa porre dalla primogenita in uno scenario da Mulino Bianco. Un'assuefazione che poi lo porta fino a Budapest, nella fasulla ricerca di anonimato, per infliggere ai giudici dell'X Factor ungherese una stucchevole canzone, oltretutto in italiano. 

Peccato, davvero, perché anche un'idea non certo originale sarebbe stata sufficiente per creare valore autoriale intorno ai racconti di persone davvero molto interessanti: i momenti di commozione di Baggio e Vialli, ad esempio, sono davvero straordinari. Putroppo Cattelan soffre nell'indossare i panni della spalla, che pure gli calzerebbero a pennello, come si vede nitidamente durante la preparazione per X Factor: lì il vero protagonista è Elio con i suoi surreali consigli, non lui che si presta a indossare la canotta da emigrante. Peccato solo che duri molto poco, così come scarso spazio è stato dato al confronto tra quattro religioni (divertente l'idea di parodiare il “4 ristoranti” di Borghese) e al campeggio prematrimoniale, a favore di momenti invece non memorabili come il pernotto nel supermercato con Mandelli. Un indizio si sarebbe potuto cogliere dal successo di EPCC, nel quale il conduttore piemontese non sfigurava affatto nel confronto indiretto con i mostri sacri del Late Night Show anche perché la formula stessa del programma assegna all'ospite il ruolo principale e all'intervistatore quello di spalla. Ben altra musica è stata quella di "Da grande", sulla Rai...

Questa volta, al contrario anche di “Catteland” su Radio Deejay, ha resistito alla tentazione di inflilare il suo nome nel titolo del programma del quale peraltro è ideatore e protagonista, ma quando ironizza con Sorrentino sul suo film biografico postumo gli scappa un freudiano “E poi c'era Cattelan”. Mettiamola così: i margini di miglioramento sono enormi e se ci sarà una seconda stagione, come speriamo, bisognerà sfruttare meglio gli ospiti, invece che relegarli al ruolo di sparring partner. E Cattelan da un piccolo passo indietro potrebbe ricavare uno slancio definitivo verso la sua maturazione professionale, non certo una diminutio. Per il momento... mi dispiace, ma per me è no.
 

Leggi anche: 

Ucraina, Cacciari: "Siamo vicini alla terza guerra mondiale (nucleare)"

Putin-Zelensky: guerra doppiamente impari

Intesa, Messina strappa a Sella il Ceo di Hype: Valitutti a capo di Isybank

Denise Pipitone, stallo sulla Commissione d'inchiesta parlamentare

Ucraina, Cacciari: "Siamo vicini alla terza guerra mondiale (nucleare)"

Putin-Zelensky: guerra doppiamente impari

Intesa, Messina strappa a Sella il Ceo di Hype: Valitutti a capo di Isybank

Michelle Hunziker, Trussardi addio: chi è il nuovo fidanzato, medico gieffino

Ucraina, si recuperano i corpi tra le macerie di Chernihiv

Terna migliora in tutti gli indicatori: nel 2021 ricavi a +4,6%

FS Italiane, al via accordo con AdR per l'intermodalità sostenibile

Cosmetica Italia con Cosmoprof ed Esxence, insieme per la Milano Beauty Week

Commenti
    Tags:
    alessandro cattelannetflixuna semplice domanda





    in evidenza
    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    MediaTech

    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

    Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.