A- A+
Politica
Giustizia, ddl Nordio al Quirinale. Presto il confronto politico con Meloni

Mattarella prenderà certamente in mano il pallino della mediazione e lo farà non solo con la moral suasion che gli è universamente riconsociuta

 

L’iter del ddl della riforma della Giustizia targata Carlo Nordio è giunto al Quirinale per la firma e poi passerà alla Camera, alla Commissione Giustizia.

Si tratta di una decina di articoli scritti dal Consiglio dei ministri a giugno.

Il presidente Mattarella, appena tornato dal viaggio in Cile e Paraguay, ha cominciato a leggere il testo che prevede, ricordiamolo, la cancellazione del reato di abuso d’ufficio, una stretta sulle intercettazioni, un freno alle misure cautelari, e, per certi reati, viene impedito l’appello in caso di assoluzione.

Tuttavia, incombe come una mannaia nell’aria infuocata di Roma, la misura “fine di mondo” e cioè la separazione delle carriere e la riforma del Csm che essendo modifiche di tipo costituzionale hanno bisogno di più tempo e saranno presentate –sempre come ddl del Cdm- a partire da settembre.

Quindi l’attuale ddl Nordio 1 –chiamiamolo così- ha assunto, soprattutto alla luce dei recenti fatti, un ruolo di banco di prova e di test.

C’è da dire che in tutta la storia repubblicana un ddl presentato dal governo non è mai stato respinto, al contrario dei decreti legge, però le sorprese potrebbero esserci a cominciare dal troppo tempo che il Quirinale si sta prendendo per sbrigare quella che dovrebbe essere appunto una mera formalità e cioè la firma di Mattarella.

Il governo aveva in mente di fare tre ddl, il primo che è alla firma e poi quello sulla riforma del Csm, dopo i recenti fatti legati al caso Palamara, e poi un terzo sulla separazione della carriere.

Quest’ultimo però era stato congeniato come una forma di pressione, insieme alla riforma del Csm, per fare passare il primo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ddl nordio giustizia mattarella





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.