A- A+
Politica
Inchiesta Qatar-Bruxelles, questione morale tallone d'Achille della sinistra

Inchiesta Qatar-Bruxelles, la questione morale ormai sembra essere diventata da tempo un vero e proprio tallone d'Achille della sinistra

Quello che forse maggiormente sorprende della bruttissima vicenda delle mazzette a Bruxelles, non sono tanto i sacchi pieni di soldi (come non se ne vedevano nemmeno nel primo periodo di Tangentopoli con il “mariuolo” Chiesa), ma l’assordante silenzio da parte della sinistra. Articolo 1, partito di cui faceva parte Antonio Panzeri (che vantava comunque una lunga militanza nel sindacato prima e nel pds, Ds e Pd dopo) lo ha immediatamente sospeso dal partito (e ci mancherebbe altro non lo avesse fatto) ma nessuno, a cominciare dal segretario ed ex ministro della salute Speranza ha voluto commentare la vicenda, per certi versi assurda. Certo come si sa il garantismo consiglia di assumere una certa prudenza in casi simili, soprattutto all’inizio, ma insomma, di fronte a prove conclamate comunque già gravissimi ( non è proprio da tutti avere 600.000 di euro in contanti a casa, alla faccia del limite al contante, di cui la sinistra si riempie tanto la bocca in queste settimane), una dichiarazione, una presa di posizione di qualche tipo sarebbe stata comunque auspicabile. Anche perché, inutile girarci intorno, la questione morale ormai sembra essere diventata da tempo un vero e proprio tallone d'Achille della sinistra, anche alla luce della altrettanto gravissima e paradossale questione del deputato di Verdi e Sinistra Italiana, Aboubukar Soumahoro, anch’egli ex sindacalista, come Antonio Panzeri, nei guai per i soldi elargiti a piene mani ( e spesi probabilmente per altri fini rispetto a quelli a cui erano destinati) alle Ong della suocera e della moglie.

La sinistra da troppo tempo, come non ricordare la celebre frase proferita dall’allora segretario dei Ds Piero Fassino (sulla cui integrità morale nessuno ad oggi può dire nulla) sulla “conquista” di un Banca, sempre forse più interessato al mondo degli affari, della finanza e del business, più che a quello del lavoro, del disagio e della difesa dei più deboli. Il problema insomma è ben più complesso e non può essere circoscritto, come qualcuno in passato ha fatto e come anche adesso si tenterà di fare, alla denuncia della presenza di qualche mela marcia. Fatte le assolute debite proporzioni del caso, ci mancherebbe altro, si rischia così facendo, di commettere lo stesso errore fatto con la celebre frase del periodo di piombo, quando si derubricava i terroristi rossi come compagni che sbagliavano. La sinistra ormai non può più nascondersi dietro ad un dito e farsi forte di una solo supposta diversità, legata proprio ad una sua superiorità morale, evidentemente riconosciuta da una entità superiore ( e anche da una certa stampa non proprio ostile). La sinistra da troppo tempo ha perso il contatto con la realtà che la circonda e con i problemi reali delle persone a cui il partito dovrebbe dedicare le sue attenzioni. Ed è per questo che da anni la parte più debole della società non si riconosce più in questa sinistra imborghesita, che troppo autoreferenziale, sembra molto più interessata a mantenere poltrone, prebende e potere che a migliorare le condizioni di vita dei ceti più deboli della società.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bruxellesinchiesta qatarqatar gateqatar-gatetangenti





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.