A- A+
Politica
Lauretta dei miracoli, torna Boldry in cerca di un seggio
Laura Boldrini

Tutti quelli che speravano di essersela tolta di torno...

 

Un’altra femmina beta in cerca di seggi è Laura Boldrini. Laura chi? Potrebbe interloquire un giovane di primo pelo.

Ma lei naturalmente. L’ex Presidente della Camera, quasi trombata nel 2018 (già alcuni caroselli erano partiti in diverse città d’Italia) e poi recuperata ai dadi insieme a Debora Serracchiani (anche qui erano partiti i festeggiamenti) dopo essere stata brutalizzate nell’uninominale dimostrando così quanto le amassero davvero gli elettori.

E così tutti quelli che speravano di essersela tolta di torno –e sono veramente tanti- se la sono dovuta sorbire per un’altra legislatura e meno male che ci sono le elezioni anticipate.

Chi può dimenticare le epiche e fondamentali battaglie di questa radical - chic allevata negli attici romani a soffici tartine imburrate al salmone?

Ad esempio quella su linguaggio che ha prodotto dei mostri linguistici come “sindachessa” ed altre impronunciabili storpiature lessicali che tanta partecipata ilarità producono all’estero.

Qualche giorno fa il giornalista Giuseppe Cruciani, durante La zanzara nella zuppa, ha raccontato un’altra perla della badessa marchigiana e cioè che quando era Presidente della Camera aveva fatto raccogliere –naturalmente coi soldi dei contribuenti- un “dossier alto così” su quanto era stato detto su di lei a La Zanzara per cui editore, cioè Confindustria, esprimeva una certa preoccupazione, più che legittima dato il tipo vendicativo e imprevedibile.

E tutti si dovrebbero preoccupare di quei politici che raccolgono dati e costruiscono dossier sui giornalisti. Non è una cosa sana proprio per quella democrazia che lei –a parole- dice di voler difendere.

L’ultima che si è poi inventata è una battaglia sui giocattoli per bambine e specificatamente contro la bambola Barbie che –a suo delirante dire- costituisce un “pregiudizio di genere”.

Ma c’abbiamo proprio bisogno di politici come Laura dei Miracoli?

Dobbiamo proprio spendere le tasse degli italiani che faticano e lavorano per gente come questa che fa dell’ideologia malsana la propria ragione di vita?

Diciamo “anche no”, come va di moda di dire.

I soldi spendiamoli per la Sanità (visto che c’è una pandemia in corso), per le Scuole, per il Lavoro, per migliorare la vita degli italiani e non per foraggiare i ghiribizzi lessicali di chi non sa come impiegare il tempo che gli è stato pagato a peso d’oro dal popolo italiano.

Ora, in questi cupi e forsennati tempi estivi di elezioni anticipate che stanno divenendo a tutti gli effetti una sorta di “erezioni anticipate” per far vedere chi ce l’ha più lungo, ci dovevamo pure sorbire  la Boldrini che, come è del tutto evidente, è già alla ricerca di uno strapuntino dove depositarsi per altri cinque anni. Siete avvertiti.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    laura boldrini





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


    motori
    Nuovo Škoda Elroq: design modern solid per il SUV elettrico compatto

    Nuovo Škoda Elroq: design modern solid per il SUV elettrico compatto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.