A- A+
Politica
Manovra, niente scostamento ma "gioco dei saldi". Meloni a Bruxelles. Inside

Il cantiere già aperto e principale è quello della Legge di Bilancio per il prossimo anno


Grande compattezza e rapidità nel prendere le decisioni. Fonti ai massimi livelli di Fratelli d'Italia sottolineano, all'indomani del Consiglio dei ministri che ha deciso le prime misure del governo Meloni, come siano stati "smentiti i gufi di sinistra" che "prevedono sempre liti e divisioni, che puntualmente non si verificano". Ora, spiegano le fonti di FdI, il cantiere già aperto e principale è quello della Legge di Bilancio per il prossimo anno.

I principali protagonisti sono la premier e il ministro Giancarlo Giorgetti: la manovra si gioca sull'asse Palazzo Chigi-Via XX Settembre, anche se quasi tutti i dicasteri sono coinvolti, dalla scuola alla sanità, dalle infrastrutture all'ambiente/energia. Parlare di cifre è ancora presto, anche se la stima dovrebbe aggirarsi attorno ai 30-35 miliardi di euro, ma quasi sicuramente "non ci sarà uno scostamento di bilancio strutturale", come aveva chiesto a gran voce ancora in campagna elettorale Matteo Salvini al governo guidato da Mario Draghi.

Il 75-80% della Legge di Bilancio, che arriverà in Parlamento a fine novembre, dovrebbe riguardare interventi a sostegno delle imprese e delle famiglie per fronteggiare il caro-energia e in generale gli effetti dell'aumento dell'inflazione. Fonti qualificate della maggioranza spiegano che si potrebbe utilizzare il "gioco dei saldi", ovvero alzare le stime del Pil per il 2023 in modo tale da avere un margine superiore di deficit per il prossimo anno.

In settimana Meloni volerà a Bruxelles per incontrare i massimi vertici delle istituzioni europee e sarà proprio in queste interlocuzioni con Von der Leyen, Michel e Metsola che la premier traccerà la rotta per una manovra di rottura rispetto al passato - ad esempio sul reddito di cittadinanza, come ha spiegato questa mattina il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon ad Affaritaliani.it - ma comunque con l'obiettivo di non entrare in conflitto con l'Ue.

Anche il ministro Giorgetti, secondo quando risulta ad Affaritaliani.it, dovrebbe andare entro metà novembre a Bruxelles per trattare e dialogare con la Commissione. Meloni, e su questo la premier è stata chiara in Consiglio dei ministri, non vuole una guerra con Bruxelles.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
legge di bilancio manovra





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.