A- A+
Politica
Proporzionale con premio e preferenze. Non è affatto male l'idea di Letta....
Referendum Seggi

Una proposta che garantisce governabilità e, con le preferenze, rappresentatività

Con tutti i problemi che ci sono, soprattutto in ambito economico ed energetico, non comprendiamo come si possa parlare di legge elettorale, ma la politica è anche questa e dunque è giusto occuparsene.

Tutto è partito dal segretario del Pd Enrico Letta che pochi giorni fa ha parlato di proporzionale per saldare l’alleanza con Di Maio e Conte, ma dal centrodestra è arrivato un secco no, compresa Maria Elena Boschi di Italia Viva che ha parlato di “sindaco d’Italia”, un vecchio pallino di Renzi. Così il Pd ha preso l’iniziativa, ancora tutta campata in aria, di aprire una discussione anche col centrodestra su una legge proporzionale con premio di maggioranza alla lista o coalizione di liste vincente che superasse la soglia del 40% dei voti.

Una specie di Italicum così come smembrato dalla Corte costituzionale, ma con le coalizioni e probabilmente anche con le preferenze. Dal centrodestra è arrivata un’apertura da parte di Fratelli d’Italia, mentre la Lega è rimasta fredda. Lo stesso Salvini ha detto che una legge elettorale c’è già e quella rimane. Fuoco di sbarramento e pretattica, ci sta.

L’idea di Letta è quella di giocarsela con la sua coalizione al Centro-Sud e tentare il colpaccio col premio di maggioranza, ma, stando alle attuali intenzioni di voto, con la proposta del segretario del Pd (proporzionale con premio di maggioranza) ad aggiudicarsi il premio sarebbe la coalizione di centrodestra, che al momento è data dai sondaggi nella forbice tra il 44% ed il 48%. Salvini non ci sta per il semplice fatto che con la legge attuale, il Rosatellum, il centrodestra farebbe il pienone nei collegi uninominali del Nord e a macchia di leopardo al Centro-Sud.

Questo Letta lo ha ben chiaro, ma la sua proposta ha una logica ed è di natura esclusivamente politica. Il segretario Dem ha serie difficoltà nel convincere il suo partito a cedere parecchi collegi uninominali al Sud a Conte e a Di Maio. Col proporzionale e premio di maggioranza, invece, il problema sarebbe ampiamente risolto, per questo Salvini si è messo di traverso perché non vuole essere proprio lui a togliere le castagne dal fuoco a Letta.

Ma in politica serve pragmatismo. Il Rosatellum, per come è costruito, garantisce in pratica la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento solo nel caso in cui una lista o coalizione di liste raggiunga non meno del 40-42% dei voti su scala nazionale, a condizione però che non si verifichi ciò che è accaduto nel 2018, cioè il cappotto di un solo partito (o coalizione) in una determinata area del Paese, vanificando la differenza di voti tra una coalizione (o partito) e l’altra.

Il 4 marzo 2018 il M5S, che a livello nazionale aveva ottenuto circa 5 punti percentuali in meno del centrodestra (32,7% VS 37%), fece il pienone al Sud in tutti i collegi uninominali di ben sei regioni (Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia), vanificando la vittoria del centrodestra al Centro-Nord. Medesima situazione si potrebbe verificare il prossimo anno, con il centrodestra in vantaggio al Centro-Nord e il centrosinistra al Sud, con la conseguenza che ci ritroviamo un’altra volta Draghi a Palazzo Chigi, o se non lui un Cottarelli qualsiasi.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    legge elettorale proporzionale





    in evidenza
    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    MediaTech

    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


    motori
    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.