A- A+
Politica
Mario Sechi, l'uomo che dà e toglie la parola. Male la prima a Cutro
Mario Sechi

Mario Sechi, ritratto del Capo Ufficio stampa di Giorgia Meloni

Male la prima per Mario Sechi. L’ex direttore dell’Agenzia giornalistica italiana ha steccato alla grande la prima uscita da Capo Ufficio stampa di Giorgia Meloni, in occasione del Consiglio dei ministri celebrato a Cutro, dopo il naufragio che ha causato la morte di 73 migranti. Sechi è il Rocco Casalino di Giorgia. La figura che dà e (soprattutto) toglie la parola ai cronisti durante le conferenze stampa. È quello che redarguisce i colleghi della stampa quando i protocolli saltano. Come è successo ieri. Quando la Meloni, con a fianco i ministri Nordio, Piantedosi, Tajani e Salvini, ha inanellato un paio di inesattezze sul racconto del naufragio. Sbavature a cui giornalisti si sono aggrappati per incalzarla.

Non è un debutto facile per il navigato Sechi. Meloni, per la prima volta da quando è al governo, è seriamente in difficoltà. Alza la voce, balbetta, sbaglia date, attacca i media, abbassa la testa, si gratta la fronte. Giorgia è nervosa. Tanto nervosa. La platea che la ascolta sbotta. È più propensa a ribattere piccatamente ai cronisti che a fornire risposte precise sui tanti punti interrogativi che dal giorno della tragedia si susseguono.

Si attiva “il cordone di sicurezza”, la segretaria Patrizia Scurti, scrive Il Fatto Quotidiano, presente a Cutro, si rivolge a Sechi: “Mario, ferma i giornalisti”. E parte l’offensiva. “Scusate colleghi, però così non va”, “ordine”, “È una conferenza stampa, non un dibattito”, “non funziona così”, “dai, per favore su”, “facciamo le cose perbene” e “in maniera professionale”.

Sechi non ne azzecca una: introduce la conferenza stampa dei maggiorenti del governo dicendo che si svolge a "Curto" invece che a Cutro. Quel che si dice un inizio non proprio entusiasmante. 

La conferenza stampa di Giorgia Meloni. Dal minuto 50 in poi i momenti salienti

Poi Sechi, tra un placcaggio verbale e l’altro, va anche sopra la voce della premier, restituendo l’immagine di una conferenza che è andata a farsi benedire. E la premier è costretta a intervenire per riportare ordine. "Scusa Mario" si sente dire al minuto 54 della conferenza stampa. Inaudito. Ma d'altronde l'ex direttore dell'Agenzia Italia è abituato a far parlare di sé. 

Ha fatto notizia nelle redazioni il “discorso di arrivederci” che ha fatto al suo team dopo aver accettato l’incarico offerto da Palazzo Chigi. “Io non sono Mario Sechi perché sono venuto all’Agi. Io ero già Mario Sechi. E lo sarò anche dopo. L’Agi resta mia, io non mi sento un esule, non vado al confine”. E già, perché (parla in terza persona) “il sottoscritto – nei 4 anni di direzione - ha ottenuto 170 ore di visibilità televisiva, di cui 150 sempre in proprio. E poi passaggi in streaming, sempre dal sottoscritto”.

(Gira pagina e continua a leggere..)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giorgia melonimario sechi





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.