A- A+
Politica
Meloni non stravince ed è tempo della resa dei conti con Salvini e Berlusconi

Meloni non stravince e ora deve fare i conti con Berlusconi e Salvini

Il centro–destra ha stravinto le elezioni regionali nel Lazio e in Lombardia assestando una sonora legnata al centro–sinistra e ai Cinque Stelle, ma anche al Terzo Polo che aveva cercato di sciacallare con la Moratti. Quindi tutto bene per il centro–destra? Sì se si vede il risultato, no se si analizzano alcuni preoccupanti fatti. Fratelli d’Italia vince, ma in Lombardia perde punti percentuali a favore della Lega mentre Forza Italia cala.

E Matteo Salvini e Silvio Berlusconi affilano i coltelli da bravi parenti–serpenti. Infatti Arcore domenica sera ha fatto partire un bel razzo interregionale, diciamo così, che ha centrato Mostacciano, quartiere a sud di Roma dove risiede Giorgia Meloni. La leader si stava un po’ rilassando seguendo un po’ di gossip post Sanremo quando Berlusconi ha scalciato violentemente: “Io da premier non avrei mai incontrato Zelensky”.

La dichiarazione, ovviamente, ha fatto infuriare Kiev e godere Mosca, che ha ritrovato l’antico amico. La Meloni con lo spago in bocca ed un libro di Tolkien sulle ginocchia, ha sobbalzato e così poco dopo Palazzo Chigi è stato costretto a dichiarare l’assoluta fedeltà dell’Italia all’Ucraina, smentendo così l’alleato Berlusconi. Intanto l’altro alleato, e cioè Matteo Salvini, osservava sornione pronto a sua volta a randellare la Meloni.

Non a caso Lega e Forza Italia hanno spinto per il rinnovo delle concessioni balneari che invece la Meloni non voleva. Insomma, ora il centro–destra ha stravinto ma Giorgia deve gestire una difficilissima situazione interna che nasce tanto tempo fa ma che si concretizza con lo scontro tra lei e il Cavaliere sulla nomina della Ronzulli a ministro. Ora la Meloni ha due alleati avvelenati pronti a tutto pur di mettere il bastone fra le ruote all’intraprendente biondina romana.

Il fronte più caldo è quello con Berlusconi. I due non sono mai andati d’accordo proprio per una visione diversa della politica, ed anche per una concezione spesso opposta di quello che dovrebbe essere la destra. Ad esempio, per la Meloni “lo Stato è sacro” per Berlusconi è “un baraccone da abbattere”. Per la Meloni la difesa di Kiev è il suo unico mantra, mentre Berlusconi è amico intimo di Putin e qui anche Salvini può dire la sua, visto che indossava magliette pro leader russo sulla piazza Rossa.

Del resto, come noto, Roma non si può governare senza il beneplacito di Washington e Bruxelles e la Meloni da tempo ha abbandonato la visione sovranista e la sua amicizia con Orban (almeno mediaticamente) per sposare la causa atlantica e questo perché, se facesse divisamente, Usa e UE le ricorderebbero immediatamente il suo passato “fascista”. Però l’Italia è la settima potenza del mondo e una delle prime in Europa ed ha un grosso peso nella guerra tra Russia e Ucraina.

E non sfugge a nessuno che la sua maggioranza è per 2/3 filo Putin (al di là delle dichiarazioni ufficiali) ed un terzo pro Zelensky. Ed è per questo che gli Usa, l’Ue e il mondo guardano ora con particolare attenzione a quello che dice e fa Berlusconi che non è tipo da restare in disparte, soprattutto con gli eredi di quel MSI che lui stesso sdoganò tanti anni fa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconicentrodestramelonisalvini





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.