A- A+
Politica
Migranti, 2 miliardi alla Libia dall'Ue. Stop agli sbarchi, il piano di Draghi

Il premier libico Abdelhamid Dabaiba non è venuto a caso a Roma per incontrare a Palazzo Chigi il premier Mario Draghi, con tanto di faccia a faccia anche dei ministri Luigi Di Maio e Luciana Lamorgese con i loro omologhi libici. Il presidente del Consiglio - secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it - sta lavorando per mettere a punto un piano ben preciso che ricalca l'accordo in vigore da anni tra Bruxelles e la Turchia. L'Unione europea, su input in particolare della Germania, elargisce ogni anno tra 5 e 7 miliardi di euro al regime di Erdogan (in due tranche) per chiudere la rotta balcanica e fermare così il flusso di migranti via terra che andrebbe, se aperto, in particolare in Germania e nei nei suoi Paesi satellite del Centro-Nord Europa.

Il piano del premier - e su questo c'è l'accordo di tutta la maggioranza di governo, dalla Lega di Matteo Salvini al Pd di Enrico Letta - è quello di convicere l'Ue (per questo sta utilizzando tutta la sua influenza presso le principali cancellerie del Vecchio Continente, Berlino e Parigi in testa) a varare una linea di aiuti economico-finanziari di sostegno alla Libia in cambio dello stop alle partenza dal Paese nord-africano verso le coste del Sud Italia. Proprio di questo avrebbero parlato ieri a Roma lo stesso Draghi e Dabaiba e, in particolare, di come aiutare soprattutto tutti quei comuni e città della Libia meridionale, ovvero la fascia che confina con il Sahel, zona dalla quale proviene il maggior numero di migranti (Ciad, Niger, Mali e Sudan) che poi punta a partire verso l'Italia e l'Europa.

Nel pacchetto di aiuti ci sarebbero anche investimenti in infrastrutture (porti e autostrade), servizi sanitari (ospedali) e scuola. Un ruolo importante riveste anche l'addestramento della polizia libica per evitare che continuino le troppe violazioni dei diritti umani nei campi profughi libici. Campi che, stando al piano di Draghi che dovrebbe avere l'ok dell'Europa, andrebbero rivisti e ricostruiti per rispettare gli standard internazionali. Quanto all'impegno economico-finanziario dell'Ue, stando a prime stime che circolano nella maggioranza e nel governo, si parla di 2-2,5 miliardi di euro all'anno. Mentre sui tempi, sicuramente il progetto dovrà essere a regime entro fine anno ma un segnale concreto dovrà arrivare prima di agosto, quando solitamente si verificano i grandi flussi migratori verso l'Italia. Il tema sarà certamente al centro del Consiglio europeo di metà giugno e Draghi avrà il pieno sostegno di tutte le componenti della maggioranza.

Commenti
    Tags:
    draghi migrantiaccordo ue libia migrantifermare migranticome draghi ferma migranti
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.