A- A+
Palazzi & potere
Rai, sforbiciata in arrivo? Pressing La7-Discovery su Giovanna Botteri

Nel cda Rai di ieri – a quanto riferiscono i soliti bene informati - l’Ad Salini ha presentato numeri da capogiro, da un’azienda davvero in brutte acque. Alla fine il tonfo contabile è stato evitato solamente contabilizzando i famosi 40 milioni del Mise, che molto probabilmente resteranno per sempre sulla carta. Infatti sia la consigliera di area Pd Rita Borioni che quello espresso dai dipendenti Rai Rodolfo Laganà si sono astenuti sul bilancio. Un terribile uno-due per Salini, considerando che la Borioni è della stessa area politica del Ministro dell’Economia Gualtieri, l’azionista della Rai: quindi la sua astensione vale come una scomunica da parte di Via XX Settembre. Le voci "da dentro" di mamma Rai sostengono inoltre che i vertici di viale Mazzini abbiano individuato il “buco” del bilancio soprattutto nei troppi dipendenti Rai, sognando una sforbiciata. Ma sono in molti a sospettare che in realtà il piano sia quello di drammatizzare sui conti per poi chiedere (sempre da parte degli attuali vertici) di rimanere per salvare l’azienda. Insomma, la famosa “proroga” su cui tanto si parla a Viale Mazzini. “Una tattica davvero curiosa”, spiega un deputato Pd vicino al segretario Zingaretti - . E allora – aggiunge il Dem – se sono troppi i dipendenti perché sono stati portati addirittura a 7 il numero di vicedirettori in molte strutture Rai?”. Al Nazareno confermano di essere decisamente contrari a qualsiasi tipo di proroga ed aspettano solo aprile per cambiare il Cda.

Ma in Rai si parla anche di altro: tipo del fatto che l'Ad non abbia ancora dato il via libera alle nomine proposte dal direttore della Tgr Casarin per i nuovi responsabili regionali di Umbria e Sardegna. Nomine che stanno molto a cuore alla Lega di Matteo Salvini.

Capitolo "Seconda Linea": sarebbero stati i due conduttori, Giuli e Fagnani, a premere per chiudere anzitempo la trasmissione. "Non se la sono sentita di continuare" spiegano da viale Mazzini. La Rete, invece, a quanto pare avrebbe voluto andare avanti.

Intanto, cresce il pressing di Discovery e ora anche di La7 (non casuale la sua partecipazione a DiMartedi di Floris) su Giovanna Botteri: senza ruolo in Rai da agosto, da quando è tornata dalla Cina e non è stata scelta per Bruxelles nonostante il parere in maggioranza favorevole dei direttori di testata.

Loading...
Commenti
    Tags:
    raisaliniseconda lineapdgualtierilaganàborionilegagiulifagnanila7florisgiovanna botteridiscoverydimartedì
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata

    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.