A- A+
Politica
Piemonte. Cirio verso una vittoria larghissima. Ma la vera partita è Torino
Alberto Cirio

Piemonte. Cirio verso una vittoria larghissima. Ma la vera partita è Torino

I recenti avvenimenti riguardanti il Piemonte e le diatribe interne al centrodestra, principalmente per i video diffusi da candidati leghisti che invitano a un voto disgiunto contro il presidente di Regione Alberto Cirio e a favore della candidata pentastellata Sarah Disabato, non cambieranno con ogni probabilità l’esito di un voto che è in larga parte indirizzato verso una riconferma del centrodestra. Ne è convinto Bruno Babando, direttore de Lo Spiffero e attento osservatore delle questioni torinesi e piemontesi, che ad Affaritaliani.it commenta che “Alberto Cirio veleggia verso una vittoria ampia in un Piemonte che va verso il voto con scarsa passione”. Tanto che “non c’è da fare grande filosofia sulla querelle interna al centrodestra,che nasce soprattutto dalle preoccupazioni della leghista Zambaia, che si ritiene non abbastanza sostenuta da Cirio”. La candidata consigliera, infatti, “si è trovata nella lista civica di Cirio il fratello di Antonio Castello, che l’ha sconfitta nella corsa a sindaco di Pianezza, come candidato. Dunque”, ragiona Babando, “tutto è da richiamare a una querelle strettamente locale”.

Cirio avanti di 20-30 punti? Ipotesi concreta

Del resto, per Babando, memoria storica del giornalismo tra il Ticino e le Alpi, “non si percepisce alcuna prospettiva di un travaso di voti dal centrodestra a altri campi. Anzi, col suo profilo moderato”, ci dice il direttore, “è piuttosto Cirio che potrà attirare voti dall’esterno, da un centrosinistra la cui candidata Gianna Pentemero è partita debole, promossa da veti incrociati nel Partito Democratico” più che da una vera cordata politica. E in Piemonte si prevede che il fenomeno del voto disgiunto resterà comunque marginale. Resta un dato, per Babando: la prospettiva “che Cirio vinca di 20-30 punti percentuali è realtà. Si tratterebbe di un margine superiore a quello con cui nel 2019 strappò la Regione a Sergio Chiamparino. La vera partita”, ci dice Babando, “riguarda Torino”.

Torino roccaforte del centrosinistra. Sarà così anche quest'anno?

Nel 2019 Cirio non riuscì a vincer nel capoluogo sabaudo, oggi proverà a fare cappotto in tutti i capoluoghi nel voto dell’8 e 9 giugno: “Torino è una città da trent’anni ostile al centrodestra”, ricorda Babando, “ma Cirio potrebbe sopravanzare il centrosinistra”. Al contempo, però, in un Piemonte dove tutto resta eternamente stabile, “è da segnalare come Cirio abbia costruito una salda concordia civica e istituzionale con Stefano Lo Russo, sindaco di Torino”. Il governatore forzista e il sindaco dem “vanno d’accordo su molti dossier, da Stellantis alle Fondazioni”, e questo è un dato importante. In sostanza, le partite principali per il Piemonte riguardano soprattutto le istituzioni finanziarie ed economiche e l’industria. Di Stellantis si è detto molto.

Il Piemonte e il risiko delle fondazioni

Resta il nodo fondazioni: “la Fondazione Compagnia di San Paolo ha visto la partita chiusa da Lo Russo nominando alla guida Mauro Gilli”, ex rettore del Politecnico, “figura che non ha volontà di protagonismo e appare poco ingombrante”, mentre dopo l’uscita di Fabrizio Palenzona “Cirio e Lo Russo sono allineati sulla nomina di Annamaria Poggi”, giurista dell’Università di Torino, “come presidente di tregua. Ma devono aspettare la tagliola del Mef, in attesa di conferma sulla decisione del commissariamento di Crt”. Sono queste le partite che oggi appaiono più in bilico per Torino. Sul fronte politico delle regionali, ad oggi, poche sorprese sono in arrivo.






in evidenza
Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3


in vetrina
Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


motori
Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.