A- A+
Politica
Pd, Calenda e Renzi tifano Schlein. Elly leader, scissione verso il Terzo Polo
Elly Schlein e Stefano Bonaccini

Primarie Pd, s'infiamma la battaglia. Il retroscena sorprendente

Elly Schlein sta recuperando su Stefano Bonaccini. Almeno così dicono i sondaggi, in vista del voto prima tra gli iscritti (a gennaio) e poi degli elettori del Partito Democratico (a febbraio). Ma dietro le quinte, in quelle cosiddette chiacchierate off the record che i politici mai e poi mai conferebbero ufficialmente, avanza il sospetto, di alcuni, e la speranza, di altri, che il Terzo Polo formato da Carlo Calenda e da Matteo Renzi, due ex Dem di peso, stia lavorando per aiutare l'ex vice-presidente della Regione Emilia Romagna a recuperare sul suo avversario con l'obiettivo finale di stravolgere i pronostici che dicono Bonaccini segretario.

La cosa può sembrare strana perché, ovviamente il profilo meno di sinistra e più moderato del Governatore emiliano dovrebbe essere maggiormente affine al nascente partito unico tra Azione e Italia Viva. Vero, quasi scontato, ma dietro - come spesso accade in politica - c'è un ragionamento (anzi, un piano) ben preciso e quasi machiavellico. La piattaforma di Schlein è fortemente di sinistra, tanto che in vista delle primarie recuperà sicuramente il sostegno di big del calibro di Andrea Orlando e Goffredo Bettini, oltre a quello di Dario Franceschini, e gli ex Pd di Articolo 1-Mdp di Roberto Speranza pronti a rientrare definitivamente nel Pd se sarà Elly a vincere.

Una piattaforma chiaramente e nettamente di sinistra sociale e ambientalista che, sul fronte delle alleanze, guarda sia al recupero del rapporto con il Movimento 5 Stelle di Giuseppe Conte sia all'intesa con Sinistra Italiana-Verdi del duo Fratoianni-Bonelli. Dalla parte di Bonaccini ci sono Base Riformista di Lorenzo Guerini, il sindaco di Firenze Dario Nardella e due importanti presidenti di Regione del Sud, Vincenzo De Luca e Michele Emiliano (il caso pugliese è particolare visto l'ottimo rapporto del Governatore con il M5S che ha addirittura in giunta).

Se questo è il quadro, è del tutto evidente che un'eventuale vittoria alle primarie di febbraio di Schlein provocherebbe una sorta di terremoto al Nazareno e una fetta importante dei centristi Dem, magari non lo stesso Bonaccini ma diversi dirigenti, quadri e militanti, potrebbero decidere di non restare in un partito che torna nettamente di sinistra e sceglie l'alleanza con Conte e Fratoianni-Bonelli. E' qui che entra in gioco il Terzo Polo. In Base Riformista ma anche nel fronte Schlein, per motivi differenti, il timore che Azione e soprattutto Italia Viva possa in qualche modo favorire la partecipazione alle primarie di popolo - dove non voteranno solo gli iscritti al Pd ma chiunque senza tessera - proprio per far vincere Elly con l'obiettivo recondito di favorire una scissione tra i Dem.

E a quel punto sarebbe ovvio e scontato che chi uscirebbe verso il centro dal Partito Democratico guidato da Schlein avrebbe proprio nel Terzo Polo la casa di approdo. Un'operazione politica sottile e intelligente che viene fatta specularmente dall'altra parte, nel Centrodestra, con i delusi di Forza Italia per un governo troppo meloniano in cui il partito di Silvio Berlusconi conta davvero poco. Obiettivo finale provare a essere il secondo partito, dietro Fratelli d'Italia, alle elezioni europee del 2024 con la piattaforma liberal-democratica di Emmanuel Macron.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
primarie pd bonaccini schlein renzi calenda





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.