A- A+
Politica
Rivalutazione pensioni: scopri quanti soldi in più prenderai dal primo gennaio
(foto Lapresse)

L'incremento delle pensioi è stato fissato al +7,3%

Pensioni, l'adeguamento, da gennaio 2023, ci sarà in base all'indice provvisorio del 7,3% salvo il successivo conguaglio, a gennaio del 2024, in base all'indice definitivo. Il minimo, ad esempio, sale da 525,38 euro a 563,73 euro, con un aumento di 38,35 euro mensili ovvero di 498 euro in un anno (tredici mensilità).

Lo prevede il decreto firmato ieri del ministro dell'economia, Giorgetti, che dispone l'aumento in base alla variazione Istat registrata nei primi 9 mesi del 2022. Il provvedimento, atteso nei prossimi giorni in Gazzetta Ufficiale, attua le normali operazioni di perequazione annua delle pensioni erogate dalle forme di previdenza pubblica obbligatoria.

Rivalutazione

Questa volta, tuttavia, le operazioni sono diverse rispetto al passato a causa degli anticipi della rivalutazione riconosciuti dal decreto aiuti bis ad ottobre e novembre 2022. I pensionati con assegni non superiori a 2.692€ lordi a settembre 2022 hanno, infatti, già ricevuto un acconto del 2% da ottobre e, quindi, a gennaio 2023 avranno solo il residuo del 5,3%; solo i pensionati con assegni superiori a 2.692€ avranno l’aumento del 7,3% (da spalmare sulle fasce di rivalutazione). Il 1° novembre, inoltre, è avvenuto il conguaglio della perequazione dovuto per l'anno 2022, con riconoscimento della rivalutazione dell'1,9% (il conguaglio-aumento è stato dello 0,2%).

La presenza degli acconti rende più difficile calcolare gli aumenti. Ad esempio una pensione minima a settembre 2022 valeva 524,34€, ad ottobre dopo l’acconto del 2% è salita a 534,83€ per passare a novembre 2022 a 535,87€ dopo il conguaglio dello 0,2% e terminare la sua corsa a gennaio 2023 a 563,73€, cioè il valore del trattamento minimo virtualizzato al 31 dicembre 2022 (525,38€) aumentato del 7,3% (cioè dell’indice di inflazione provvisorio). L'aumento effettivo che si vedrà sul cedolino a gennaio da dicembre sarà di circa il 5,3% perché la rivalutazione assorbe l'acconto di ottobre.

Per i pensionati con prestazioni superiori a 4 volte il minimo (cioè oltre i 2.101,52€ al 31 dicembre 2022) gli aumenti dovranno tenere conto delle sopra richiamate fasce di perequazione. Così, ad esempio, una pensione tra 4 e 5 volte il minimo inps (cioè tra 2.101,52€ e 2.626,9€) verrà aggiornata dal 1° gennaio 2023 in misura pari al 7,3% della quota sino a 2.101,52€ più il 6,57% (7,3 x 0,9) della quota eccedente i 2.101,52€; una pensione oltre 5 volte il minimo inps verrà aggiornata dal 1° gennaio 2023 in misura pari al 7,3% della quota sino a 2.101,52€ più il 6,57% della quota tra 2.101,52€ e 2.626,9€ e il 5,475% (7,3 x 0,75) della quota eccedente la cifra 2.626,9€.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pensioni





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.