A- A+
Politica
Teatro Piccolo, le "manovre" di Sangiuliano e La Russa jr
Il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano

Teatro Piccolo di Milano, tra i candidati per la segreteria generale anche il compagno della conduttrice Rossella Brescia

Il governo Meloni continua a interessarsi alle poltrone culturali. L'ultimo caso riguarda il Teatro Piccolo di Milano, dove manca la figura di segretario generale. Una carica non strettamente necessaria ma strategica per gli equilibri di potere. L’assedio da parte del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano - in base a quanto risulta a La Repubblica - sarebbe cominciato nel novembre scorso con la nomina di Geronimo La Russa, il figlio del presidente del Senato, nel consiglio di amministrazione. In occasione della partita più importante: la direzione del teatro, alla cui guida ora c’è Claudio Longhi, in scadenza a dicembre. Allievo di Luca Ronconi, uomo di cultura, che in questi quattro anni ha impresso al teatro una svolta in chiave contemporanea.

Leggi anche: De Luca prende in giro Sangiuliano: “Seguiremo rotta dell'ammiraglio Galileo”

Sangiuliano - prosegue La Repubblica - pretende di affiancargli un segretario generale, figura dirigenziale prevista dallo statuto ma vacante dai tempi di Strehler, da riesumare proprio per marcare stretto Longhi. Lo ha fatto sapere senza mezzi termini l’altro giorno, tramite un Geronimo La Russa talmente agguerrito da presentare ai vertici del Piccolo una lista di nomi graditi: i registi Paolo Valerio (attuale direttore dello Stabile del Friuli Venezia Giulia con carriera prevalentemente nel Nordest), Andrea Chiodi (battitore libero di area cattolica), e il coreografo Luciano Cannito (presidente del Mercadante di Napoli, compagno di Rossella Brescia e una fissa per i musical).

Senza entrare nel merito dei curricula, è evidente che nessuno è un profilo amministrativo conforme a un incarico che, tra le altre cose, comporterebbe un ulteriore stipendio manageriale da mettere a bilancio. Novità anche per quanto riguarda Cinecittà a Roma. Giuseppe De Mita, figlio di Ciriaco, ha rinunciato all'incarico, al suo posto è stata scelta Manuela Cacciamani che - secondo quanto risulta a Il Fatto Quotidiano - sarebbe molto legata ad Arianna Meloni, la sorella della premier.






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.