A- A+
Politica
Ue, decisivo il voto francese. Se vince Le Pen, Ursula a destra con Meloni

Ursula von der Leyen tratta in prima persona ma attende l'esito del voto in Francia

La situazione per le nomine a Bruxelles e a Strasburgo è "intricatissima" per usare l'espressione di un meloniano doc. La presidente del Consiglio da un lato vuole mantenere la promessa fatta agli elettori di non governare con la sinistra e dall'altro non vuole restare tagliata fuori dai giochi.

Per questo motivo è furiosa con Olaf Scholz ed Emmanuel Macron che già al G7 in Puglia hanno posto le basi per una nuova maggioranza Ursula - Popolari, Socialisti e Democratici, liberali allargata ai Verdi -, escludendo le destre, ma è vero anche che la presidente della Commissione uscente alla ricerca della riconferma sa perfettamente che sia il Cancelliere tedesco sia il presidente francese sono usciti con le ossa rotte dalle elezioni europee e il loro potere di incidere sugli equilibri Ue è decisamente diminuito.

Ieri ad Affaritaliani.it Antonio Tajani, segretario di Forza Italia e membro del Ppe, il principale gruppo nella nuova EuroCamera e che dà le carte, ha rilanciato l'idea della maggioranza che nel 2017 lo portò alla presidenza del Parlamento europeo ovvero Popolari, liberali e Conservatori. "E' difficile, ma tentar non nuoce", ha affermato il vicepremier e ministro degli Esteri. La verità - spiegano ad Affaritaliani.it sia fonti vicinissime alla premier sia fonti del Partito Democratico e di Forza Italia - è che nulla verrà deciso prima dell'esito delle elezioni legislative in Francia (primo turno il 30 giugno e secondo turno il 7 luglio). Tanto la prima riunione del nuovo Parlamento Ue sarà solo a metà luglio.

Se nonostante l'avanzata alle Europee del Rassemblement National di Jordan Bardella e Marine Le Pen e l'accordo con un pezzo di post-gollisti (non Nicolas Sarkozy), Macron avrà ancora la maggioranza all'assemblea nazionale di Parigi, magari con un'intesa con altre forze di centro e di centrosinistra, a quel punto si andrà dritti verso il bis di Ursula con la formula degli ultimi cinque anni che di fatto esclude, non solo la Lega di Matteo Salvini (questo è ovvio) ma anche il gruppo Ecr di Fratelli d'Italia.

E in questo caso trovare un commissario italiano gradito alla maggioranza del Parlamento Ue sarà difficilissimo e servirà certamente un tecnico prestigioso come Elisabetta Belloni, Fabio Panetta o Roberto Cingolani. Ma se alle elezioni francesi dovesse prevalere la destra (forte dell'appoggio dei media del gruppo guidato da Vincent Bolloré), ipotesi che non si può affatto escludere stando ai sondaggi, con Bardella o Le Pen primo ministro e Macron anatra zoppa (mutuando un'espressione tipica degli Stati Uniti d'America) a quel punto Von der Leyen sposterebbe l'asse della sua maggioranza verso destra e quindi si potrebbe concretizzare quell'ipotesi fatta da Tajani.

Certo non sarà facile ma tutto dipenderà dall'agenda e dal programma. Se Ursula sta con S&D e Verdi, avanti con il green deal e le politiche ultra-ambientaliste. Altrimenti, se si sposta a destra dopo il voto per l'assemblea nazionale francese, sarà da rivedere completamente il programma come chiesto proprio da Meloni. Le trattative vanno avanti nelle stanze segrete di Bruxelles ma tutti, in testa Ursula, attendono di capire come si esprimeranno i francesi prima di prendere una decisione definitiva sui nuovi equilibri politici ai vertici dell'Ue.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.