A- A+
Politica
Ue, schiaffo a Meloni da Abascal. Vox lascia Ecr per i "Patrioti" di Orban
GIORGIA MELONI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SANTIAGO ABASCAL PRESIDENTE VOX

"Le forze patriottiche hanno l'opportunità storica di concretizzare il mandato degli elettori in un grande gruppo che si pone come alternativa alla coalizione del Partito Popolare, dei socialisti e dell'estrema sinistra"

 

La delegazione del partito spagnolo ultraconservatore Vox guidata da Santiago Abascal annuncia che lascerà il gruppo Ecr per aderire al nuovo gruppo Patrioti per l'Europa definendola un "opportunità storica". "Giorgia Meloni rimarrà sempre un'amica e un alleata" sottolinea il partito sovranista in una nota ufficiale. 
 
La piattaforma Patrioti per l'Europa, recentemente varata dal primo ministro ungherese Viktor Orban, sta cercando di "riunire il maggior numero di forze patriottiche e sovraniste". Lo ha detto il presidente di Vox, Santiago Abascal, annunciando l'ingresso del suo partito nella nuova piattaforma politica europea, in un'intervista al quotidiano "La Gaceta". "Vox lavora da tempo per la collaborazione di tutte queste forze, per la possibile creazione di un grande gruppo", ha detto Abascal. "Continueremo a farlo in questa legislatura attraverso la nuova piattaforma, ma con un rapporto speciale, ovviamente, con gli alleati che non ne fanno ancora parte e con i quali continuiamo ad avere una relazione bilaterale molto stretta", ha aggiunto. "Le forze patriottiche hanno l'opportunita' storica di concretizzare il mandato degli elettori in un grande gruppo che si pone come alternativa alla coalizione del Partito Popolare, dei socialisti e dell'estrema sinistra", ha evidenziato Abascal. Secondo l'esponente sovranista questa coalizione ha avuto "conseguenze particolarmente devastanti per gli spagnoli in settori come la sicurezza, la liberta', il mondo rurale e la sua economia, l'energia e il controllo sovrano delle decisioni che riguardano il nostro Paese".

Lega, adesione di Vox ai Patrioti segnale importantissimo - "L'adesione degli spagnoli di Vox è un segnale importantissimo". Lo sottolinea la Lega in una nota, commentando l'annunciata adesione al nuovo gruppo dei Patrioti. "Cresce il fronte del cambiamento in Europa, determinato a dire no alla Von der Leyen e ai socialisti" conclude il partito di Matteo Salvini.

Wilders: "Entriamo nei Patrioti per l'Europa al Pe"

"Siamo patrioti del Pvv, amiamo la nostra nazione. Forte e sovrana. Resistiamo all'immigrazione illegale. Difendiamo la pace e la libertà. E sosteniamo l'Ucraina. Proteggiamo la nostra eredità giudaico-cristiana. E le nostre famiglie. Vogliamo unire le forze nel Parlamento europeo e ci uniremo con orgoglio ai Patrioti per l'Europa". Lo scrive su X il leader del Pvv olandese Geert Wilders annunciando l'ingresso del gruppo fondato da Viktor Orban.

Ecr scende a 78 eurodeputati ma al momento resta terzo partito

Dopo l'addio della delegazione di Vox, composta da sei eurodeputati, il gruppo dell'Ecr scende da 84 membri a 78. Si assottiglia il margine di vantaggio su Renew che conta, ad oggi, 76 membri ma fonti liberali parlano di "un nuovo ingresso gia nei prossimi giorni". Più difficile prevedere la composizione esatta del nuovo gruppo dei Patrioti per l'Europa che si costituirà lunedì mattina. Composizione che dipenderà dalla sopravvivenza o meno di Identità e Democrazia come gruppo separato da quello degli orbaniani. Ma se il neogruppo dei Patrioti confluisse in quello di Id la formazione, sommando anche coloro che hanno già annunciato l'interesse a entrare nei Patrioti per l'Europa (Fidesz, Ano, FPO, Chega, Vox e Lega) arriverebbe a 79 seggi, piazzandosi quindi giusto a ridosso del podio dei gruppi al Pe.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.