I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
PNRR, silenzio assordante sul dialogo tra Fisco e contribuenti
da sx: Avv. M. Sances e Dott. M. Sponziello

  Fa rumore il silenzio in merito alla mancanza di dialogo tra Amministrazione finanziaria e i contribuenti, molto spesso causa principale dei numerosi contenziosi che intasano il lavoro delle Commissioni Tributarie e della Corte di Cassazione.

Il PNRR, su questo tema, muove la sua analisi partendo dalla necessità di snellire il lavoro che le liti fiscali producono in seno alla Suprema Corte (si veda pag. 58 – 59 del PNRR). Gli aspetti presi in esame sono vari. Si parte dal profilo quantitativo, secondo il quale “il contenzioso tributario è una componente molto importante dell’arretrato che si accumula dinanzi alla Corte di Cassazione - secondo stime recenti, nonostante gli sforzi profusi sia dalla Sezione specializzata sia dal personale ausiliario, alla fine del 2020, i ricorsi erano più di 50.000 – e si prosegue sotto il profilo qualitativo, dove la situazione certamente non migliora, visto che le decisioni adottate dalla Corte di Cassazione comportano molto spesso l’annullamento di quanto è stato deciso in appello dalle Commissioni Tributarie Regionali”.

Sotto il profilo temporale, infine, i tempi di giacenza dei ricorsi in Cassazione sono in alcuni casi molto lunghi, aggiungendosi alla durata, non breve, dei precedenti gradi di giudizio.

Alla luce di ciò, il documento preannuncia la formazione di Commissioni di esperti, che possano studiare il campo di azione delle riforme necessarie e ribadisce che gli sforzi saranno rivolti a ridurre il numero di ricorsi in Cassazione.

Secondo però il parere dello gruppo di studio “fisco e contribuenti” nato in seno all'Associazione “Next Eu” (www.nexteu.it) di cui è membro l'Avv. Matteo Sances, esperto tributarista, e presieduta dal commercialista Dott. Marco Sponziello, il problema da risolvere non è a valle bensì a monte.

Ciò non significa che gli interventi dichiarati nel PNRR non siano necessari ma che le criticità per professionisti e contribuenti sono ben altre: la causa principale dei numerosi contenziosi tributari è costituita dalla mancanza di dialogo tra Amministrazione finanziaria e contribuenti.

L’Associazione ha quindi fornito il suo punto di vista sulla questione, qui sintetizzate dall'Avv. Sances:Da tempo sosteniamo l’assoluta necessità di riformare la disciplina in materia di rapporti Fisco-contribuenti, in quanto riteniamo che questo sia uno dei principali problemi che attanagliano la materia. Fa specie notare come il PNRR nulla dica in merito. In questa situazione difficilmente ci potrà essere un effettivo miglioramento del sistema. Sicuramente nel documento si fa cenno alla volontà di intervenire per adottare misure volte a favorire la semplificazione, come la costituzione di un unico Codice tributario, la lotta all’evasione fiscale o la piena attuazione federalismo fiscale (si veda da pag. 76 ad 80 del PNRR). Queste sono però dichiarazioni di intenti ascoltate in svariate occasioni alle quali non è mai seguito un reale riscontro pratico. L’obiettivo, come da noi auspicato, è quello di ottenere un maggior dialogo con il Fisco che possa ascoltare i contribuenti, sicuramente potenziando gli uffici preposti, e risolvere i contenziosi prima ancora che possano intasare la macchina giudiziaria, ricorrendo, ad esempio, al principio dell’autotutela in caso di errori. Un principio che, molto spesso, l’Amministrazione non attua di buon grado”.

È opportuno evidenziare come l’aspetto lapalissiano, che mette d’accordo tutti, sia la necessità di intervenire per modificare il sistema tributario, incidendo da un lato sull’attività dell’Amministrazione e dall’altro sul ruolo del contribuente, molto spesso eccessivamente vessato dal Fisco. Noi come Associazione Next Eu, riferisce infine il Dott. Sponziello, ci auguriamo una maggiore unità di intenti e anche un maggior coinvolgimento da parte delle Commissioni di esperti che saranno chiamate allo studio della riforma in materia tributaria.

Commenti
    Tags:
    #nexteu #fisco #avvsances #riformafisco
    in evidenza
    Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

    Meteo previsioni

    Aria fredda polare sull'Italia
    Fine maggio da... brividi

    i più visti
    in vetrina
    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


    casa, immobiliare
    motori
    BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

    BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.