A- A+
Sport
Europei: nei quarti sfida al Belgio dei "vecchi amici" Lukaku e Mertens
Bastoni, Barella e Lukaku: compagni nell'Inter, avversari venerdì in Italia-Belgio (Lapresse)

Sarà quindi il Belgio di Lukaku e Mertens a sfidare l'Italia nei quarti di finale degli Europei, venerdì 2 luglio alle 21.00.

Si prospetta una sfida molto difficile, ma con un vantaggio: quello di conoscere fin troppo bene le (tante) qualità e i (pochissimi) difetti degli attaccanti di Inter e Napoli. In particolare per i compagni di club Barella, Bastoni e Di Lorenzo sarà una sfida molto speciale, ma non certo un fatto inedito, nella storia della nazionale azzurra nelle competizioni internazionali. 

Schnellinger e la “partita del secolo”

Un caso famoso di sfida tra gli Azzurri e una vecchia conoscenza del campionato è quello della semifinale di Messico '70, quando un gol al 90° del tedesco Schnellinger, allora in forza al Milan, costrinse l'Italia di Valcareggi ai tempi supplementari. Il match fino a quel momento sonnacchioso divenne “la partita del secolo”, cioè quell'Italia-Germania 4-3 che è anche il titolo di un bel film generazionale uscito nel 1990.

La leggenda di Pablito per superare la beffa di Falcao

In una famosa scena del film di Andrea Barzini, i protagonisti (Fabrizio Bentivoglio, Giuseppe Cederna e Massimo Ghini) reagiscono al pareggio di Schnellinger con un'esclamazione molto milanese, ma facilmente comprensibile: “Ma va a caga', tudèsc!”. In tante altre occasioni i tifosi della nazionale hanno gridato improperi ai giocatori che invece sostenevano nei rispettivi club. Ai mondiali del 1982, il romanista Falcao segnò il gol del 2-2 che avrebbe eliminato l'Italia di Bearzot, ma il terzo gol di Paolo Rossi fece nascere la leggenda di “Pablito”, aprendo la strada a un indimenticabile titolo mondiale.

Platini, Maradona e gli “scarti” brasiliani

Quattro anni dopo, quando tornammo in Messico da detentori del trofeo, fummo castigati prima dal napoletano Maradona nell'1-1 con l'Argentina e poi dallo juventino Platini, protagonista del 2-0 con il quale la Francia ci rispedì a casa anzitempo. Ben più doloroso furono i due successivi mondiali. A Italia '90 fu ancora l'Argentina di Maradona ad eliminarci, dopo il beffardo gol di Caniggia (allora in forza all'Atalanta) e i rigori fatali. E il San Paolo era diviso in due, tra il tifo per gli Azzurri e quello per il mitico Diego. Sempre dal dischetto maturò la sconfitta nel finale del mondiale '94, contro un Brasile che schierava vecchie conoscenze del nostro campionato, quali Taffarel, Dunga, Mazinho e Branco, che i nostri club avevano scartato con troppa facilità.

Italia-Francia: due beffe e una fantastica rivincita

Dai mondiali agli Europei, nel biennio 1998/2000 la Francia vinse due titoli storici superando gli Azzurri in modo beffardo: ai rigori nella Coppa del Mondo e grazie al golden goal nella finale continentale. A siglare quel famoso gol fu David Trezeguet, che pochi giorni dopo sarebbe diventato un giocatore della Juventus, seguendo tanti altri suoi connazionali che militavano nella nostra Serie A, da Deschamps a Zidane, passando per Thuram. La vendetta è arrivata a Berlino 2006, quando i rigori hanno sorriso all'Italia. E non a caso quando sul dischetto si è presentato proprio Trezeguet, dai microfoni di Sky Fabio Caressa incitava Gigi Buffon dicendo “lo conosci, lo conosci...”. Il centravanti della Juve colpì la traversa e certamente quel “lo conosci, lo conosci...” verrà ripetuto anche venerdì sera, quando Lukaku o Mertens prenderanno palla nelle vicinanze di Donnarumma

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    europeiitalia-belgiolukakumertensinternapoli
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.